Il Pdl ha un vero leader, Silvio Berlusconi, che ha un unico solo difetto: è una catastrofe per il paese di oggi. Il Pdl ha anche un altro leader, Marina Berlusconi, che ha un unico solo difetto: sarebbe una catastrofe per il paese di domani. Il Pd ha un leader, Bersani, che ha unico solo difetto: é una bravissima persona, ma non é un leader. Futuro e libertá ha un leader, Fini, che ha un unico solo difetto: per ora non ha un partito che gli paga i contributi. L’Italia dei valori ha un vero leader, Di Pietro, che ha un grande pregio: é l’unico che non pretende di fare il leader della coalizione. Il Pd ha un altro leader, Rosy Bindi, che ha un pregio raro in quel partito: piace ai suoi elettori. Ma anche la Bindi ha un unico difetto: se il suo leader le ordina di ritirarsi, lei lo fa. E infatti si é ritirata.

C’é un solo leader che piace a Bersani, se si eccettua Bersani: si chiama Casini. E Casini é indubbiamente un leader, ma anche lui ha un unico vero difetto: vuole fare il leader di un’altra coalizione, e questo purtroppo é un problema per ben due coalizioni. Il Pd ha un altro leader, che si chiama Veltroni. E Veltroni ha un solo piccolo problema: nessuno lo vuole leader (e nessuno ha il coraggio di dirglielo). Anche Sinistra e libertà ha un leader, e si chiama Vendola. Ma anche lui ha un unico vero difetto: come tutti quelli che piacciono al popolo di centrosinistra non piace a Bersani. Poi c’é un leader che piace ai poteri forti, perché é bravissimo nel fingere di attaccarli, si chiama Tremonti. C’é uno solo che non ha capito che scherza, e si chiama Bersani: infatti ha detto che lo vedrebbe bene come leader. Così c’é un altro rischio enorme: quello di ritrovarsi Tremonti premier sia se vince la destra sia se vince la sinistra: ecce leader, poveri noi.

Il Fatto Quotidiano, 20 febbraio 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Se questo è uno statista…

next
Articolo Successivo

La metamorfosi 9, che fretta c’era, maledetta primavera

next