Una lettera di minacce contro i giornalisti Michele Santoro e Marco Travaglio. La missiva è arrivata ieri alla redazione del Resto del carlino a Bologna, dove il 31 gennaio ne è stata recapitata un’altra che prendeva di mira il pm di Milano Ilda Boccassini.

Del nuovo messaggio di minacce parla lo stesso quotidiano, nelle pagine di cronaca cittadina: il documento, scritto in stampatello su un foglio bianco, era contenuto in una busta timbrata il 3 febbraio al Centro meccanizzato postale (Cmp) del capoluogo emiliano. Il plico riporta anche questa volta la sigla ‘Fuan’, che rimanda al movimento universitario del vecchio Msi. “Per la vostra cattiveria – scrive l’anonimo nella lettera – pagheranno i vostri cari. Piangerete presto lacrime amare”. Sull’attribuzione per ora c’è cautela da parte degli investigatori della Digos, che hanno sequestrato il materiale.

Nella precedente missiva c’era scritto: “La Boccassini deve morire”. E ancora: “Farai una brutta fine. Morirai in un rogo – un fuoco rosso – come la tua toga”.

(l. f.)

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Abelli e il boss, un’amicizia fotovoltaica

next
Articolo Successivo

Rubato l’archivio di Corona
“Cercavano le foto del premier”

next