nessuna complicitàGiovedì 3 febbraio la Camera dei Deputati voterà l’autorizzazione a procedere richiesta dal Tribunale di Milano nei confronti di Berlusconi.

Per questo noi cittadini indignati saremo lì, davanti a Montecitorio dalle 18 in poi, ad aspettare un atto di garanzia costituzionale da parte dei nostri e delle nostre deputate, di qualunque partito siano.

Ma non c’è solo l’iniziativa del presidio, abbiamo scritto una lettera per chiedere ai parlamentari di non rendersi anche loro complici dei reati di concussione e prostituzione a carico di Silvio Berlusconi.

Vi invito a partecipare al presidio (l’evento su Facebook) e a scrivere ai vostri parlamentari la seguente mail:

Caro parlamentare, cara parlamentare,
la sollecito a non rendersi complice dei reati di concussione e prostituzione a carico di Silvio Berlusconi. Le chiedo quindi di votare a favore dell’autorizzazione a procedere nei confronti del presidente del Consiglio permettetendo alla giustizia di svolgere il suo compito. Solo così si potrà dare piena attuazione all’articolo 3 della Costituzione italiana. La informo anche che parteciperò al presidio che ci sarà davanti a Montecitorio il 3 febbraio, in attesa del voto.

Scegliete il (o i) parlamentari ai quali mandarla da questo link.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Meglio perquisire l’editore che la redazione

prev
Articolo Successivo

Legittima difesa

next