Paolo Biasi, 72 anni, nome in codice “La Sfinge”, superboss della Fondazione Cariverona, è uno degli uomini più potenti della finanza italiana. L’Ente che presiede, forte di un pacchetto del 5 per cento di Unicredit, ha giocato un ruolo decisivo nel ribaltone che nei mesi scorsi ha messo fuori gioco Alessandro Profumo. Capita che Biasi, che è anche imprenditore, sia inciampato in un’inchiesta giudiziaria per il fallimento di un’azienda di famiglia. L’accusa è bancarotta preferenziale.

Problema: lo statuto della fondazione prevede la sospensione dei consiglieri in caso di condanna in primo grado. Biasi, in sella da quasi vent’anni, poteva farsi da parte in attesa che venissero chiariti i fatti. In altri tempi sarebbe successo così. Che credibilità può avere un banchiere accusato di bancarotta? E invece, com’era prevedibile, è arrivato il salvagente. Con l’appoggio del sindaco leghista di Verona Flavio Tosi, socio pesante della Fondazione, venerdì scorso l’ente ha varato una modifica dello statuto. Adesso il consigliere condannato in primo grado viene sospeso, ma il consiglio generale della Fondazione ha la facoltà di reintegrarlo immediatamente. “Abbiamo adeguato il regolamento a quanto è previsto dalla disciplina generale su banche e assicurazioni”, questa in breve la spiegazione ufficiale che arriva da Verona.

Proprio così: gli amministratori di banche e assicurazioni condannati in primo grado possono essere reintegrati dagli azionisti. Cioè, di solito, quegli stessi poteri forti che li hanno nominati la prima volta. Lo abbiamo visto negli anni scorsi per Cesare Geronzi, rimesso prontamente sul trono di Capitalia e di Mediobanca dopo un paio di scivoloni giudiziari. E Biasi può essere da meno di Geronzi? No, ovviamente. Ed ecco la norma salvapoltrona. “Un lavoro ben fatto”, ha commentato il leghista Tosi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Da Tokyo agli Usa, la crisi del debito
ormai è diventata globale

prev
Articolo Successivo

La trappola del federalismo

next