Dopo la confessione di Karima El Mahroug ad Aspetta e (Kali)spera dell’ineffabile Signorini, svelata finalmente la canzone che Berlusconi, accompagnato dal fedele Mariano “non vedo, non sento, non parlo” Apicella, cantò per santificare la prima volta – era un martedì – di Ruby Rubacuori ad Arcore. Qui parte del testo, in grassetto i dettagli più salienti:

She would never say where she came from
Yesterday don’t matter if it’s gone
While the sun is bright
Or in the darkest night
No one knows
She comes and goes

Goodbye, Ruby Tuesday
Who could hang a name on you?
When you change with every new day
Still I’m gonna miss you…

Ps: Berlusconi minimizza l’apporto di Apicella: “L’ho eseguita a cappella”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Capitani d’industria supereroi

next
Articolo Successivo

Paradiso perduto

next