Due ore di buio. La pagina Facebook del Popolo Viola questo pomeriggio è sparita dal social network insieme agli account di alcuni degli amministratori. Dopo due ore, e un tam-tam immediato partito su Internet, la pagina è stata ripristinata e adesso è di nuovo online.

Il popolo viola è il movimento nato proprio su Facebook dove ha lanciato il No Berlusconi Day del cinque dicembre 2009 e varie mobilitazioni seguite negli scorsi mesi (dal sostegno al programma online di Michele Santoro Rai per una Notte, alle iniziative contro il bavaglio e il legittimo impedimento).

E’ ancora mistero sui motivi dell’oscuramento temporaneo. Alla vigilia del voto del parlamento sulla sfiducia al governo Berlusconi, i moderatori avevano parlato apertamente di censura: “E’ un atto di censura gravissimo che qualifica Facebook come strumento dei regimi” il loro comunicato seguito da una petizione pubblica. Per domani i viola hanno lanciato con gli studenti e i cittadini dell’Aquila una manifestazione nei pressi del Parlamento per chiedere la sfiducia del governo.

Non sono ancora chiare le possibili cause del blocco temporaneo. Tra blogger e i militanti si fanno una serie di ipotesi.

Secondo alcuni potrebbe essere un atto d’imperio di Facebook, sempre più chiuso e spostato “a destra” dopo la chiusura della pagina degli Anonymous, il gruppo di hacker che, a sostegno di Wikileaks, hanno messo sotto attacco i siti web di Visa, Mastercar, Amazon (a loro volta “colpevoli” di aver chiuso i conti in sostegno di Julian Assange).

Ma il tutto potrebbe essere anche nato da contrapposizioni interne. Da tempo il Popolo Viola è attraversato da profonde spaccature tra chi si sente parte della “linea” del  paginone nazionale (quello che ha subito il black-out) e numerosi fuorisciti che hanno fondato gruppi contrapposti, sempre su Facebook. Quest’ultimi, è la teoria di numerosi blog, avrebbero segnalato al social network la natura “inappropriata” dei contenuti sulla pagina, segnalazioni che avrebbero portato alla chiusura temporanea.

Sulla pagina ripristinata i moderatori scrivono: “Aspettiamo di conoscere le motivazioni su quello che è accaduto. Grazie a tutti per la solidarietà e il sostegno”. Da Facebook  – che in Italia ha solo uffici commerciali per la pubblicità – fanno sapere che chiarimenti dovrebbero arrivare in giornata.

Aggiornamento 17:47. Gli amministratori della pagina hanno ricevuto una mail ufficiale da Facebook che spiega come la pagina sia stata chiusa per errore, e come il social network accetti ora solo account che fanno riferimento a persone fisiche.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I 350mila viola bannati da Facebook

next
Articolo Successivo

Wikileaks raccontata dai protagonisti

next