Un errore entrare nel Pdl. Nonostante ciò “il Governo Berlusconi è stato eletto e Berlusconi non ha solo la possibilità, ma anche il dovere di governare fino all’appuntamento elettorale del 2013” con Futuro e Libertà come forza autonoma. Lui, invece, si vede premier nel 2013, ma solo “se gli italiano lo vorranno”. Lo afferma il presidente della Camera, Gianfranco Fini, nell’intervista pubblicata oggi dal domenicale tedesco Welt am Sonntag.

“L’anno scorso abbiamo cercato di fondare un partito comune, il Popolo della Libertà – ha detto Fini riferendosi a Berlusconi -. Oggi, col senno di poi, considero quello un errore. Sarebbe stato meglio per noi continuare a marciare insieme separati, ma da alleati”. Un’alleanza che ora c’è e non mette in discussione la sorte del governo, che ha “una maggioranza forte”. Eventuali elezioni anticipate “oggi sarebbero problematiche e rischiose”.  Il governo reggerà se “se farà quanto si è impegnato a fare”. Detto questo “non voglio negare che ci sono grossi problemi”, ha ribadito il leader di Futuro e Libertà.

Il presidente della Camera ha sostenuto di continuare a volere un sistema bipolare, perchè un tale sistema “esprime stabilità e chiarezza e consente di decidere”: “Dobbiamo riuscire ad avere nuovamente schieramenti politici chiari. Questo rende il Paese governabile”, ha aggiunto. Il bipolarismo, però non si ridurrà a una contrapposizione sterile tra i fronti perché, nei suoi piani, c’è quello di cercare intese con la sinistra senza rifiuti categorici:  “Il nostro obiettivo è quello di creare un partito di centrodestra che si distingua chiaramente dal Pdl. Si caratterizzerà per un maggiore rispetto delle regole, delle istituzioni, e attuerà una politica che non dirà automaticamente ‘No’ alle istanze della sinistra, ma che su alcuni punti cercherà un’intesa con essa”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Papa difende la famiglia tradizionale
e cento coppie gay si baciano al suo passaggio

next
Articolo Successivo

Governo, finito vertice della Lega Nord
Incontro ad Arcore anticipato nel pomeriggio

next