Per essere felici conta più il denaro di salute e amore. E’ quello che emerge da un sondaggio inglese commissionato dalla BBC. Una ricerca seria, a quanto pare. Dunque un risultato credibile. E inquietante.

Eccolo qui il risultato del Sistema, cioè il prodotto di questo Capitalismo. Denaro e una serata sul divano a guardare la TV. Se ci fosse stato ulteriore bisogno di qualche conferma, ecco la fotografia di questa epoca. Uomini senza vento, senza sogni, che pensano che il denaro sia la chiave della felicità. E ora non venitemi a fare discorsi come “sì, certo, ma se uno non ha il lavoro come fa coi soldi? Come fa a essere felice?”. Il sondaggio era su un campione rappresentativo dell’universo inglese, dunque non sui disoccupati. Quelle che hanno risposto sono persone normali, che lavorano.

Questo ragionamento fa sempre indispettire qualcuno e ciba il desiderio di una vita diversa di altri. La realtà è solo una, però: questo Sistema, questo modo di vivere, questa attesa della lotteria che ci renderà felici, questo mondo di lavoro-consumo-lavoro, è fallito. Doveva renderci felici, darci il benessere, e invece ha portato ansia, nevrosi, instabilità, paura (tanta paura!), malattie psicosomatiche, materialismo dilagante. Oggi se cerchi un uomo o una donna capaci di sognare, che si divertono facilmente, che pensano positivo, bisogna che ti metti in marcia con tanta, tanta pazienza.

E ritorna l’antica domanda: perché nessuno propone un sistema diverso? Perché non c’è? Non è una risposta. C’è sempre un sistema diverso, basta studiarlo, trovarlo, tentarlo. Politici, giornali, intellettuali, tutti tacciono, In modo discontinuo e blando, solo la Chiesa (che non amo), si esprime contro questo stato di cose, ma con enormi, pesanti contraddizioni tra parola e azione.

Con un fronte “avverso” così poco agguerrito, questo Capitalismo continuerà a macinare gente debole. Ci farà a pezzi.

Ecco uno dei tanti motivi per cui occorre ragionare individualmente, adesso, e cambiare la propria vita da soli. Un’idea in grado di coinvolgerci non c’è. Semmai coinvolgeremo noi gli altri, con il nostro esempio, la nostra testimonianza: un altro modo di vivere esiste. Eccolo. Adesso Basta!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La governance mondiale di Internet
fra diritti e controllo

next
Articolo Successivo

Forza Nuova no! Sansonetti ripensaci

next