Il regime in libera uscita a Gubbio. La tre giorni organizzata dal Pdl dal titolo “Competenza e onestà per una buona politica” non ha richiamato il pubblico che gli organizzatori si aspettavano. “E’ per la spaccatura nella maggioranza – racconta a ilfattoquotidiano.it un’addetta alla segreteria – lo scorso anno era stato riservato il grande salone delle conferenze al primo piano con centinaia di persone, quest’anno una sala che non è neanche la metà, forse per far vedere che è comunque piena anche se c’è un terzo delle persone dello scorso anno”. Per la chiusura, poi, ci sono più giornalisti che deputati. Quasi tutti, i giornalisti, di una sola parte: quella del centrodestra. Il ministro Giulio Tremonti non rilascia dichiarazioni. Così i primi piani dei telegiornali sono tutti per due comprimari: Maurizio Gasparri e Paolo Bonaiuti. Tra assist degli inviati dei tg nazionali (Tg1 in testa) e cravatte cortesemente aggiustate dalle giornaliste al politico di turno, va in scena il teatrino dell’informazione asservita al governo. Che sul bavaglio o risponde con scherno o non risponde.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Enrico Mentana, l’anti-Minzolini?

next
Articolo Successivo

Ilfattoquotidiano.it protagonista alla festa del nostro giornale

next