“L’articolo apparso sul Corriere della Sera riguardante dichiarazioni asseritamente rese dai Ciancimino è del tutto sconnesso dalla realtà e sarà oggetto di specifiche azioni giudiziarie. Il continuo, miracoloso apparire di documenti senza alcuna garanzia dell’epoca in cui sarebbero stati formati e senza alcuna verifica giurisdizionale, oltre al fiorire di ricordi di episodi di 40 anni fa non solo mai narrati sino ad oggi ma contraddetti dalla realtà fattuale, non può che ingenerare ovvie perplessità visto anche il momento in cui i documenti vengono propalati”. E’ quanto dichiara Niccolò Ghedini, parlamentare del Pdl e legale del premier Silvio Berlusconi. “Chiederemo all’Autorità giudiziaria di poter acquisire questi atti e queste dichiarazioni, ammesso che esistano, per poter esperire le azioni del caso e anche per comprendere come mai atti d’indagine continuino ad essere previamente pubblicati dai giornali. Vi è comunque un’unica certezza: mai il presidente Berlusconi ha avuto contatti diretti o indiretti con Vito Ciancimino (di cui, all’epoca, non conosceva neppure l’esistenza) o con suoi familiari, nè tantomeno ha avuto rapporti economici, e sarà agevole provarlo in giudizio”, dice Ghedini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cossiga in rianimazione al Gemelli
‘Condizioni gravi ma stabili’

next
Articolo Successivo

La Fiat fa ricorso contro il reintegro dei tre operai di Melfi

next