Possiamo comprendere l’imbarazzo di Repubblica per aver preso un “buco” dal nostro quotidiano. Martedì 6 luglio il Fatto è stato l’unico giornale a riportare la notizia della balzana idea di un gruppo di senatori del Pd di dare per legge costituzionale al Quirinale uno scudo totale che mettesse il presidente della Repubblica al riparo da processi anche per eventuali reati commessi prima dell’inizio del suo mandato. Ma Il Fatto, prima di scrivere, ha sentito lo staff del Capo dello Stato e nei pezzi ha specificato chiaramente che Napolitano non ne sapeva nulla, e che anzi era sorpreso. Ora invece, i colleghi di Repubblica.it accomunano il nostro lavoro agli attacchi pubblicati oggi da Il Giornale. E spiegano che la nota ufficiale con cui il Colle riconferma la sua estraneità al pastrocchio è “la reazione di Napolitano dopo gli articoli del Fatto e del Giornale”. Un modo quantomeno infelice di ricostruire l’accaduto. Quasi a voler far pensare ai lettori che le notizie de Il Fatto fossero inesatte e incomplete. Dopo pochi minuti, forse dopo aver visto questa segnalazione, l’articolo di Repubblica.it è stato modificato. Ne siamo felici, ma a futura memoria, qui potete leggere la prima versione:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore