Carissimi lettori, riporto il post della mia amica Alessandra Incoronato che dal 25 Maggio 2009 sta facendo il semi – sciopero della fame , perché venga aumentata la pensione di invalidità civile e perchè venga garantita l’assistenza gratuita alle persone disabili che ne hanno bisogno.

Tutto questo danneggia ulteriormente la sua salute, visto che è già colpita da una malattia invalidante e degenerativa l’amiotrofia spinale di tipo due.

Grazie, Luca Faccio

Appello ai politici che sono coinvolti in queste vicende e a tutti quelli che mi seguono da sempre e che con affetto abbraccio

Prima di comunicare ciò che ho deciso dopo tanto pensare Prego a tutti di capire e ai politici di ascoltare, questa è la mia sofferta decisione.

Non Vi chiederò più per noi disabili, ne pensioni per vivere, ne assistenza per non morire nell’abbandono e ora, di fermare l’ennesima azione incivile, (la manovra su di noi) perché ho detto e fatto quasi tutto. Comunico però che il mio semi sciopero della fame ricomincerà il 3 Luglio 2010 e proseguirà affinché mi si darà la possibilità di fare una conferenza stampa a MonteCitorio, in cui potrò dire ciò che sento e che provo, poi la decisione sarà Vostra.

Se mi farete parlare il quasi tutto sarà per me tutto, il mio compito sarà terminato. Credo che la mia richiesta, per placare il mio immenso dolore per quello che si fa hai disabili, sia ragionevole. Ora non ci vogliono soldi e non potete dirmi che non ci sono orecchie per ascoltare chi con amore lotta e che con sincerità vuole solo parlarvi senza chiedervi altro. Vi prego, non potete lasciarmi morire per questo, voglio solo 20 minuti della vostra vita per ascoltarmi e così salvare la mia VITA. Perché da allora il mio semi sciopero della fame avrà fine.

Cordiali Saluti

Alessandra Incoronato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, fallito l’affondo si tenta di mediare
Berlusconi convoca Letta: salviamo il salvabile

next
Articolo Successivo

Tess: consulenze agli “amici” di Bassolino
ma lo sviluppo delle imprese resta al palo

next