Il Consiglio Comunale dell’Aquila del 9 dicembre 2009 si tiene fra le macerie e i palazzi puntellati di Piazza Palazzo. Secondo il Tg5 è un’occasione di festa, per celebrare la riapertura di alcuni negozi del centro storico. In realtà, la convocazione così inconsueta è un atto di protesta, un modo per mostrare “all’Italia e al mondo” la situazione della città.

Di Alberto Puliafito
Musica di Alessandro Zangrossi
www.ikproduzioni.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il popolo viola (Roma, 27 febbraio 2010)

next
Articolo Successivo

Tasse, roulotte e niente lavoro

next