La domenica mattina, mi capita di andare a giocare a tennis sui campi di LungoTevere Dante, che ha scovato il mio amico, collega e ‘sparring partner’ Fabio Tana, uno che a tennis va a giocare solo allo sprofondo. Un nome così importante, LungoTevere Dante, fa pensare a un posto elegante, centrale, esclusivo.

Invece, siamo sulla riva sinistra del fiume, quasi ai margini della città: più canneti che palazzi, da queste parti. Io ci arrivo svoltando a destra passato il ponte di viale Marconi: si attraversa un mercato da immigrati allestito su uno spiazzo di fortuna e poi un’area di edifici industriali semi-abbandonati.

Sul muro di un capannone, qualcuno ha scritto a grossi caratteri diseguali e un po’ incerti: “Di lavoro si muore perché di precarietà si vive”. Fino a domenica 20 giugno, non avevo mai notato il graffito: forse non c’era, forse non ci avevo semplicemente badato.

L’ho letto e m’è parsa un’analisi cruda e netta dei giorni nostri, di questa Italia (e non solo), dove vivere alla giornata è normale e le ‘morti bianche’, come tanti altri bubboni, gli scandali, l’illegalità, l’approssimazione, l’incompetenza, sono fatti –neppure mali- accettabili e accettati. La voglia di cambiare?, la speranza di farcela? Quelle abitano altrove, da Obama, o dalla De Filippi. O dentro noi stessi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Europa non tutela gli olivicoltori

next
Articolo Successivo

Storia di Veronica, picchiata dal capo “Chiedevo solo un contratto”

next