/ / di

Nando dalla Chiesa Nando dalla Chiesa

Nando dalla Chiesa

Docente universitario, scrittore e politico

Mi piace la democrazia e ho cercato di darmi da fare per lei in tanti modi, anche se non ho ancora capito se lei me ne sia grata. Sono del Pd ma sono soprattutto un democratico senza aggettivi. Sono un sociologo, laureato in economia alla Bocconi, insegno a Scienze Politiche di Milano e collaboro con diversi giornali. In particolare mi onoro di essere tra i collaboratori del Fatto diretto da Antonio Padellaro. Da cinque anni sono anche editore di Melampo, la casa editrice che ho fondato insieme a Lillo Garlisi e Jimmy Carocchi, miei allievi bocconiani arrivati al successo nell’editoria per i fatti loro. Faccio pure del teatro. Comico e soprattutto civile. Infine, mi piace fondare. Mica solo la casa editrice. Ho fondato un circolo di nome “Società civile” nella Milano degli anni Ottanta. Poi, con il mio amico Gianni Barbacetto, ho fondato il mensile omonimo, grande esperienza giornalistica fatta da ragazzi irripetibili. Ho fondato con Leoluca Orlando e Diego Novelli la Rete, un movimento che diede agli inizi degli anni Novanta dignità politica nazionale all’idea che si dovesse combattere la mafia. Ho fondato il piccolo movimento di Italia democratica, anche quello con mensile, che confluì nell’Ulivo battendosi contro il razzismo e la secessione. E pure Omicron, rivista sulla criminalità organizzata al nord, sempre con Gianni Barbacetto. E il comitato di parlamentari “La legge è uguale per tutti” per fronteggiare l’offensiva del signor B.; un comitato alla testa di tante manifestazioni degli anni dei girotondi e che ha prodotto l’unica esperienza di teatro civile al mondo fatto da parlamentari. Ho anche fondato con Fabio Zanchi e Lidia Ravera il Mantova Musica Festival, nato per contestare Sanremo finito nelle mani di Tony Renis e poi ripetuto gloriosamente per altre quattro edizioni. Ho pure fondato, con una quarantina di lettori del mio blog, la Scuola di formazione politica “Antonino Caponnetto”. Non ho fondato “Libera”, la bellissima associazione di don Ciotti, ma ho l’orgoglio di esserne stato eletto presidente onorario. Soprattutto ho fondato una famiglia con Emilia. Ne sono nati Carlo Alberto e Dora, i miei gioielli, che se li avesse visti Cornelia ne sarebbe rimasta folgorata, altro che i suoi Gracchi, con tutto il rispetto.

Articoli Premium di Nando dalla Chiesa

Italia - 12 agosto 2017

Pino, che a Berlino dona cibo all’asilo più vicino e lotta contro la mafia

Ma qual è in Italia quel ristoratore che ogni lunedì offre gratis il pranzo ai bimbi dell’asilo più vicino e alle loro maestre? Vi viene in mente un solo nome? No? Ecco, invece a Berlino c’è un ristoratore che lo fa. Ed è italiano, lucano per la precisione, e per questo gli spetta un posto […]
Italia - 5 agosto 2017

Il signor Gavino, che all’Asinara tiene lucide le targhe a Falcone e Borsellino

Nella notte in cui cadono decine di stelle, appena dopo l’una e mezzo si forma un piccolo corteo. Discreto, silenzioso, annunciato solo da un leggero scalpiccio di passi. Cala d’Oliva, isola dell’Asinara: di qua acque verdi trasparenti sotto la luna, di là il minuscolo borgo dove si riuniscono il bar, l’ostello e pochi appartamenti sul […]
Società - 22 luglio 2017

Rossella e la malattia: come rinascere grazie a un corso di vela a Caprera

Rossella quasi non ci crede. Gli occhi corrono, ora rotondi ora ovali, mentre cerca di spiegare che davvero la vita le è cambiata. Vorrebbe comunicare al suo interlocutore la propria meraviglia. Sempre con la paura di non riuscirci abbastanza. Usa una parola, un’immagine, va avanti. Poi le viene il dubbio di non esserci riuscita abbastanza […]
Italia - 15 luglio 2017

Gian, il sosia di Gigi Riva che voleva entrare nell’Arma e ora regala sorrisi

Ma chi è quel tipo? Sul lineolum verde oliva, nella sala d’aspetto a pianterreno dove i pazienti attendono le visite specialistiche, s’avanza un personaggio dalle fattezze familiari. Ha capelli bianchi che gli giungono sulla fronte secondo la moda dei senatori romani. Il busto eretto magistralmente, un fisico asciutto e coltivato, esaltato da una maglietta bianca […]
Cultura - 8 luglio 2017

“Mafia? Nein danke!”, a Berlino un incontro per non far finta di niente

Ricordate la strage di Duisburg? Quella carneficina nel pieno della Germania più industrializzata, davanti a una classica pizzeria italiana? Era il Ferragosto del 2007. Fu, o avrebbe dovuto essere, una doppia rivelazione. Per noi italiani: la ‘ndrangheta si sentiva ormai padrona anche in Germania. Riti di affiliazione in un pubblico esercizio, vendette e sparatorie e […]
Italia - 1 luglio 2017

La ragazza della via Gluck che difende il campetto dai palazzi della Finanza

Una lettera aperta al sindaco Giuseppe Sala, che mi giunge per conoscenza. Una firma, Elisabetta Pellarin, che mi giunge da anni lontani. Il nome di un oratorio che mi giunge dalla memoria di inutili, piccole battaglie parlamentari. E una storia assurda di degrado che si mangia un pezzo della Milano nord, ai bordi della celebre […]
Cultura - 24 giugno 2017

L’esercito dei volontari ignoti: ogni Festival ha il suo Angelo

Il signore che mi attende è appena fuori dalla porta di ingresso della stazione di Pesaro. Se ne sta di lato e tiene in mano, ad altezza di ombelico, il suo bravo cartello per farsi riconoscere. Tocca infatti a chi arriva identificarlo, perché lui degli ospiti non sa la faccia e a volte non ha […]
Italia - 17 giugno 2017

Juan Manuel, il prete messicano anti-narcos sotto al Muro di Trump

Chi non si è indignato, chi non si è commosso l’altra sera vedendo il film dedicato su Rai3 alla grande marcia dei diritti di Martin Luther King? Chi non è trasalito vedendo i razzisti dell’Alabama uccidere un reverendo colpevole di essere “peggio dei negri” perché esponente della razza dei “bianchi che stanno con i negri”? […]
Italia - 10 giugno 2017

Paolo Giaccone, il medico ucciso per aver rispettato il giuramento

Attenzione, questa è una favola vera. C’era una volta un signore che in gioventù aveva pensato di dedicare la propria vita a un nobile ideale. Si era interrogato se fare il missionario in continenti lontani o il maestro in paesi di montagna o il difensore della legge in mezzo ai prepotenti. Aveva scelto invece di […]
Commenti - 6 giugno 2017

Riina? Io non perdono. Lo Stato deve essere serio

La dignità, certo. Nel momento della morte, certo. Morirono ricchi di dignità gli uomini e le donne che Riina fece squartare e sfigurare, togliendo loro la possibilità di essere anche solo sfiorati in viso dai loro cari. Dignitosi nell’animo, macellati nelle carni. Mentre nessuno macellerà nelle carni Totò Riina, che a quelle carneficine brindava felice […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×