/ / di

Maria Rita D'Orsogna Maria Rita D'Orsogna

Maria Rita D'Orsogna

Fisico, docente universitario, attivista ambientale

Sono nata e cresciuta nel Bronx ed ho trascorso l’infanzia fra la tolleranza e la curiosità di New York City e la serenità e il verde di Lanciano, in provincia di Chieti.

Mi sono laureata a Padova in Fisica nel 1996 e dopo aver trascorso del tempo a Milano, Parigi, Chicago e Washington sono approdata a Los Angeles, dove vivo stabilmente dal 1999.

È una città che ancora mi sorprende e che adoro, per tutta la sua ricchezza umana e culturale e non solo per il sole splendente della California.

Nel 2007 venni a sapere che l’ENI intendeva trasformare i vigneti di Ortona, lungo la costa teatina, in un campo di petrolio con annessa raffineria.

Non so cosa sia scattato dentro di me ma, sebbene lontana, non potevo accettare che l’ENI portasse via un angolo d’Abruzzo e cosi, in un misto di amore italiano e di razionalità americana, ho dato tutto quello che avevo per salvare la contrada Feudo dalle grinfie dei petrolieri.

Grazie a una mobilitazione popolare senza precedenti in Abruzzo, ci siamo riusciti: l’ENI nel 2010 ha abbandonato quello che aveva sbandierato ai suoi investitori come il suo progetto più ambizioso in Italia.

Da allora non ho smesso mai. Ci sono concessioni petrolifere da Vercelli fino a Pantelleria, tutte in piccoli paradisi naturali. Cerco di usare tutto quello che il web offre per informare il cittadino comune, per rompere le scatole e per ricordare a petrolieri e politici che l’Italia non è l’Arabia Saudita.

Vengo in Italia frequentemente per conferenze e per sfatare i miti di Assomineraria e compari. Spesso mi dicono di essere ‘la pasionaria del petrolio’, invece il mio è soltanto un profondo senso di giustizia sociale e del dovere, sentimento stancante ma da cui non ci si può sottrarre.

www.csun.edu/~dorsogna

www.dorsogna.blogspot.com

No all’Italia petrolizzata

Post di Maria Rita D'Orsogna

Ambiente & Veleni - 28 agosto 2015

Bangladesh, una piccola ma grande rivoluzione energetica

My dream is to make Bangladesh the first comprehensive solar nation of the world Dipal Chandra Barua Presidente of Bangladesh Solar and Renewable Energy Association E chi l’avrebbe mai detto, il silenzioso Bangladesh con delle grandi ambizioni. Si chiama Shs e sta per Solar Home System – nella sostanza un pannello o due sui tetti […]
Ambiente & Veleni - 26 agosto 2015

Renzi contestato in Abruzzo: basta con le trivelle, ora l’ha capito?

Renzi arriva in Abruzzo e viene duramente contestato da attivisti e gente arrabbiata per i drammi del post-terremoto e dell’approvazione del mostro Ombrina. La prima cosa che noto nel vedere le immagini che diffondono i siti italiani è il blu. Il blu del cielo, il blu dei caschi della polizia, il blu delle bandiere di Ombrina […]
Ambiente & Veleni - 23 agosto 2015

Energia solare, i primi aeroporti alimentati con le rinnovabili: se si vuole, si può fare tutto

“A public building that can balance technology and comfort for passengers without polluting the environment. This is basically the legacy we want to give.” Jorge Rocillo, manager del nuovo aereoporto alimentato da sole e vento di Baltra, Galapagos Cochin, India. Arriva da dove meno te l’aspetti il primo aeroporto al mondo interamente alimentato dal sole. Siamo […]
Ambiente & Veleni - 21 agosto 2015

Clima, luglio è il mese più caldo di sempre. Matteo Renzi, qual è il tuo piano?

JUST IN: July 2015 warmest month ever recorded for globe says @NOAANCEIclimate#StateOfClimatehttp://t.co/XGv9BkJJsTpic.twitter.com/MPmobyGAK7 — NOAA (@NOAA) 20 Agosto 2015 Continuiamo a superare un record dopo l’altro, ma non in positivo. Secondo la Nasa questo luglio 2015 è il più caldo di sempre da che si tiene il conto delle temperature e cioè dal 1880. E questo […]
Ambiente & Veleni - 19 agosto 2015

Trivelle in Veneto: dimmi con chi vai e ti dirò chi sei

La Sound Oil/Appennine Energy ditta inglese che trivella in Veneto ha appena annunciato di avere “trovato un accordo” con la Shell per lo sfruttamento della concessione di gas naturale Casa Tonetto, nel trevigiano, che include o si sovrappone in parte con le concessioni Nervesa e Carità. La Sound Oil ha già trivellato due pozzi qui […]
Ambiente & Veleni - 15 agosto 2015

Ambiente, come proteggere le nostre coste dal cemento? Un esempio americano

The coast is never saved. The coast is always being saved.  Peter Douglas, California Coastal Commission Secondo la Banca Mondiale la California ha il miglior sistema di difesa ambientale costiero del mondo Estate. Come tutte le annate, il boardwalk di Santa Monica e di Venice, a poche centinaia di metri da casa mia,  si riempie di […]
Ambiente & Veleni - 8 agosto 2015

Ombrina, aspettiamo un segno di vita da D’Alfonso sulle trivelle

Esce il giorno 7 Agosto 2015 il decreto con cui il Ministero dell’Ambiente rilascia la compatibilità ambientale per Ombrina Mare, il complesso di 4-6 pozzi, una piattaforma, condutture sottomarine, una nave desolforante con fumi, torce, termodistruttori, in azione 24 ore su 24 nei mari d’Abruzzo, a due passi dal tormentato Parco Nazionale della Costa Teatina. E’ […]
Economia & Lobby - 4 agosto 2015

Eni e tangenti in Brasile: ‘Saipem does it better’

saipem 675 Si chiama João Antônio Bernardi Filho, è un ex collaboratore  della Saipem ed è accusato di avere pagato mazzette per conto della Saipem in Brasile. A riceverle un dirigente della Petrobras, la ditta nazionale petrolifera, Renato de Souza Duque, che è già in carcere per tangenti. Le accuse per Bernardi, Duque e altri tre sono di […]
Ambiente & Veleni - 30 luglio 2015

Trivelle in Adriatico, la Croazia fa (quasi) marcia indietro. E l’Italia?

Le ditte che hanno ottenuto licenze petrolifere nei mari croati sono l’onnipresente Eni, l’inglese Medoilgas (adesso Rockhopper Exploration, sempre inglese), Ina-Industrija (nafte di proprietà del governo croato) e un consorzio americano-austriaco creato dalla Marathon Oil del Texas e la viennese Omv nel gennaio del 2015. La prima deteneva il 60% del consorzio e ne era l’operatore, il restante […]
Ambiente & Veleni - 27 luglio 2015

Tornano le trivelle in Emilia, alla faccia del terremoto

“It is therefore concluded that the seismic process that began before May 20th, 2012 and continued with the sequence of earthquakes in May-June 2012 is statistically correlated with increases in production and injection in the Cavone oil field”. Rapporto della Commissione Ichese, pagina 176, 2013 Non ci riusciamo proprio in questa nazione ad usare il […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×