/ / di

Maria Rita D'Orsogna Maria Rita D'Orsogna

Maria Rita D'Orsogna

Fisico, docente universitario, attivista ambientale

Sono nata e cresciuta nel Bronx ed ho trascorso l’infanzia fra la tolleranza e la curiosità di New York City e la serenità e il verde di Lanciano, in provincia di Chieti.

Mi sono laureata a Padova in Fisica nel 1996 e dopo aver trascorso del tempo a Milano, Parigi, Chicago e Washington sono approdata a Los Angeles, dove vivo stabilmente dal 1999.

È una città che ancora mi sorprende e che adoro, per tutta la sua ricchezza umana e culturale e non solo per il sole splendente della California.

Nel 2007 venni a sapere che l’ENI intendeva trasformare i vigneti di Ortona, lungo la costa teatina, in un campo di petrolio con annessa raffineria.

Non so cosa sia scattato dentro di me ma, sebbene lontana, non potevo accettare che l’ENI portasse via un angolo d’Abruzzo e cosi, in un misto di amore italiano e di razionalità americana, ho dato tutto quello che avevo per salvare la contrada Feudo dalle grinfie dei petrolieri.

Grazie a una mobilitazione popolare senza precedenti in Abruzzo, ci siamo riusciti: l’ENI nel 2010 ha abbandonato quello che aveva sbandierato ai suoi investitori come il suo progetto più ambizioso in Italia.

Da allora non ho smesso mai. Ci sono concessioni petrolifere da Vercelli fino a Pantelleria, tutte in piccoli paradisi naturali. Cerco di usare tutto quello che il web offre per informare il cittadino comune, per rompere le scatole e per ricordare a petrolieri e politici che l’Italia non è l’Arabia Saudita.

Vengo in Italia frequentemente per conferenze e per sfatare i miti di Assomineraria e compari. Spesso mi dicono di essere ‘la pasionaria del petrolio’, invece il mio è soltanto un profondo senso di giustizia sociale e del dovere, sentimento stancante ma da cui non ci si può sottrarre.

www.csun.edu/~dorsogna

www.dorsogna.blogspot.com

No all’Italia petrolizzata

Post di Maria Rita D'Orsogna

Ambiente & Veleni - 25 maggio 2015

Fracking, chi dice ‘in Italia mai’?

Certo, in Italia il fracking non si è mai fatto, mai si farà e se si è fatto è un fracking leggero come mi dicono taluni geologi nostrani. Qualcuno deve spiegarmi allora cos’è il Massive Hydraulic Fracturing fatto dall’Agip davanti alle coste di San Benedetto del Tronto nel 1978, presso il pozzo Piropo 2. La […]
Ambiente & Veleni - 22 maggio 2015

California, nuova marea nera a Santa Barbara. La lezione è sempre la stessa

Santa Barbara Oil Spill Portfolio LaPresse Non è stata la prima volta a Santa Barbara. La prima, grande, memorabile, marea nera del mare di California è stato prima che nascessi, nel 1969. Scoppiò la Platform A. Finirono nell’oceano quasi 12 milioni di litri di petrolio. Morirono pesci e uccelli. Il mare diventò e restò nero per settimane. Anche il presidente Nixon […]
Ambiente & Veleni - 20 maggio 2015

Gas naturale: Davide batte Golia. A Bomba (Chieti) 880 anime fermano le trivelle americane

bomba-chieti E’ una storia di quelle che danno speranza e che ci fanno ancora credere che l’attivismo – intelligente, unito, informato, composto e persistente – porta a risultati meravigliosi. Siamo a Bomba, Abruzzo, provincia di Chieti. Popolazione: 880 anime. Un paesino tranquillo, dove non succede mai niente. Ci sono gli ulivi, la Maiella, il fiume Sangro […]
Ambiente & Veleni - 15 maggio 2015

Trivelle nell’Artico: Obama l’equilibrista ora dà il via libera alla Shell

Trivelle-675 E così Obama ha autorizzato le trivelle nell’Artico, per la gioia della Shell. Trivelle che secondo i suoi stessi report governativi hanno possibilità del 75% di un “major oil spill”. La zona che verrà trivellata è il Burger Prospect: la Shell vuole iniziare le operazioni in estate, trivellando sei pozzi, quando il ghiaccio è più sottile. […]
Mondo - 12 maggio 2015

Olanda, la strada del Sole è realtà

We did not expect a yield as high as this so quickly.  Sten de Wit, portavoce SolaRoad. Circa sei mesi fa in Olanda venne inaugurata la prima strada del sole: una pista ciclabile coperta di pannelli solari a Krommenie, a nord di Amsterdam Era un semplice prototipo – con solo settanta metri di lunghezza e […]
Ambiente & Veleni - 9 maggio 2015

Petrolio, l’idrogeno solforato e i vitelli del Canada

Il petrolio che abbiamo in Italia varia da località in località, ma spesso è di tipo amaro, cioè ricco di impurità sulfuree e molto meno desiderabile del miglior petrolio che è dolce – cioè senza zolfo. A volte ci sono fughe di idrogeno solforato dai pozzi direttamente dai pozzi in atmosfera. Altre volte le impurita sulfuree restano […]
Ambiente & Veleni - 5 maggio 2015

Fracking, come voteranno gli europarlamentari italiani sulla sicurezza energetica?

Unione Europea La Commissione Industria dell’Ue è fatta di sessantasette rappresentanti, fra cui, per l’Italia BORRELLI David, Movimento 5 Stelle BUONANNO Gianluca – Lega Nord PATRICIELLO Aldo – Forza Italia TAJANI Antonio – Forza Italia TAMBURRANO Dario – Movimento 5 Stelle TOIA Patrizia, – Partito Democratico (Vice Presidente) ZANONATO Flavio – Partito Democratico Questa commissione il giorno 7 […]
Ambiente & Veleni - 2 maggio 2015

Siccità in California, ora i petrolieri ‘spacciano’ l’acqua

Usa, gli effetti della siccità in California Abbiamo tutto – o quasi – in questo Stato dalle possibilità illimitate: mare, sole, terreni fertili, creatività, talenti e sogni, da Hollywood fino alla Silicon Valley. Dopo la crisi, l’economia, è tornata a crescere, la popolazione aumenta e i downtown ovunque esplodono di soldi e di progetti, nel bene e nel male. Se fosse una […]
Ambiente & Veleni - 29 aprile 2015

Petrolio: gli incidenti che nessuno vuole vedere

La Norway Petroleum Safety Authority (PSA) ha appena concluso le sue indagini su un incidente petrolifero in cui un uomo è finito a mare mentre lavorava sulla Scarabeo 8 della Saipem, presso il campo Goliat del Barents Sea in acque ultra profonde. La Sapiem è stata giudicata responsabile di ben quattro violazioni al codice di […]
Ambiente & Veleni - 27 aprile 2015

Fracking e terremoti indotti: pubblicate in Usa le mappe di rischio sismico

Per la prima volta nella sua storia, l’Usgs pubblica una mappa di rischio sismico indotto: potenziali terremoti causati dall’uomo, in principal modo dall’attività estrattiva di petrolio e di gas. L’Usgs è The United States Geological Survey, una sorta di Ingv italiano, il massimo ente geologico americano. Finora i terremoti causati dall’uomo non venivano inclusi nelle cartine di rischio sismico […]

•Ultima ora•

×