Temi del Giorno

/ / di

Maria Rita D'Orsogna Maria Rita D'Orsogna

Maria Rita D'Orsogna

Fisico, docente universitario, attivista ambientale

Sono nata e cresciuta nel Bronx ed ho trascorso l’infanzia fra la tolleranza e la curiosità di New York City e la serenità e il verde di Lanciano, in provincia di Chieti.

Mi sono laureata a Padova in Fisica nel 1996 e dopo aver trascorso del tempo a Milano, Parigi, Chicago e Washington sono approdata a Los Angeles, dove vivo stabilmente dal 1999.

È una città che ancora mi sorprende e che adoro, per tutta la sua ricchezza umana e culturale e non solo per il sole splendente della California.

Nel 2007 venni a sapere che l’ENI intendeva trasformare i vigneti di Ortona, lungo la costa teatina, in un campo di petrolio con annessa raffineria.

Non so cosa sia scattato dentro di me ma, sebbene lontana, non potevo accettare che l’ENI portasse via un angolo d’Abruzzo e cosi, in un misto di amore italiano e di razionalità americana, ho dato tutto quello che avevo per salvare la contrada Feudo dalle grinfie dei petrolieri.

Grazie a una mobilitazione popolare senza precedenti in Abruzzo, ci siamo riusciti: l’ENI nel 2010 ha abbandonato quello che aveva sbandierato ai suoi investitori come il suo progetto più ambizioso in Italia.

Da allora non ho smesso mai. Ci sono concessioni petrolifere da Vercelli fino a Pantelleria, tutte in piccoli paradisi naturali. Cerco di usare tutto quello che il web offre per informare il cittadino comune, per rompere le scatole e per ricordare a petrolieri e politici che l’Italia non è l’Arabia Saudita.

Vengo in Italia frequentemente per conferenze e per sfatare i miti di Assomineraria e compari. Spesso mi dicono di essere ‘la pasionaria del petrolio’, invece il mio è soltanto un profondo senso di giustizia sociale e del dovere, sentimento stancante ma da cui non ci si può sottrarre.

www.csun.edu/~dorsogna

www.dorsogna.blogspot.com

No all’Italia petrolizzata

Post di Maria Rita D'Orsogna

Mondo - 28 febbraio 2015

Algeria, la lotta contro le trivelle che nessuno si aspettava

E chi se lo aspettava che anche in Algeria ci sarebbe stata una così grande lotta contro le trivelle? Siamo a Ain Salah, nel sud dell’Algeria, 45,000 abitanti e 750 chilometri dalla capitale Algiers, teatro di proteste e di attivismo, poi sparsi in tutta la nazione. Ogni giorno e per due mesi, tanto che il presidente Abdelaziz […]
Ambiente & Veleni - 26 febbraio 2015

Petrolio, Obama blocca l’oleodotto di Keystone: finalmente un segnale politico importante

Keystone-petrolio-675 Finalmente il presidente Obama ha messo il veto alla costruzione dell’oleodotto Keystone Xl, dal Canada al Texas. E’ la prima volta in cinque anni che usa il potere di veto ed è la terza volta in tutto il suo mandato. E’ questo un piccolo miracolo, considerato da dove si era partiti sei anni fa – […]
Ambiente & Veleni - 20 febbraio 2015

Petrolio, un altro airgun in Sardegna

Questa volta il lupus in fabula è una ditta norvegese, la Tgs-Nopec che si autodefinisce “la principale società a livello mondiale specializzata in acquisizioni di dati geofisici multi-client”. Non sono dei veri petrolieri, quanto invece specialisti di airgun: acquisiscono dati e poi rendono i loro risultati “disponibili” ai petrolieri. Non è chiaro se a pagamento […]
Ambiente & Veleni - 16 febbraio 2015

Elettricità sostenibile: ‘E’ nostra – il sole per tutti’

Ecco una bella iniziativa: una cooperativa italiana senza scopo di lucro che fornisce elettricità sostenibile ai propri soci. Ci sono voluti due anni e quattro gruppi per creare questo progetto: EnergoClub, Avanzi, Retenergie, ForGreen che hanno dato vita a “E’ nostra”. Lo scopo è  cambiare il modo in cui produciamo e consumiamo energia, abbandonando le fossili e […]
Ambiente & Veleni - 13 febbraio 2015

Trivelle in Adriatico, perché il petrolio croato è anche affar nostro

petrolio-675 Manca poco alla fine del periodo di 30 giorni per mandare osservazioni al governo croato in merito alle trivelle in Adriatico: l’ultimo giorno valido è il 16 febbraio. Il documento proposto dal governo di Zagabria ci tocca da vicino perché l’Adriatico è nostro tanto quanto loro, e veramente intendono lottizzare tutto quello che possono. Parliamo […]
Ambiente & Veleni - 8 febbraio 2015

Fracking, anche il Galles dice no. Ora tocca a Londra?

The shale industry’s seemingly irresistible advance is now looking more and more resistible every day Louise Hutchins, Greenpeace UK The fracking industry is in retreat Donna Hume, Friends of the Earth Energy E’ come una cascata, una volta che si inizia non ci si ferma più. Anche il governo del Galles ha votato contro l’uso del fracking, […]
Ambiente & Veleni - 5 febbraio 2015

Trivellazioni: Colle dei Nidi e la bocciatura del Tar

Una bella notizia: il Tar del Lazio ha bocciato il permesso “Colle dei nidi” per ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi come proposto dalla Gas Plus, Medoilgas e dalla Petrorep. Di queste ditte, la Gas Plus è italiana e deteneva la concessione al 65%, la Medoilgas inglese la controllava al 25% e la canadese Petrorep […]
Ambiente & Veleni - 3 febbraio 2015

Petrolio italiano, la ‘propaganda’ firmata Sole 24 ore

Esce un articoletto sul Sole 24 ore – rigorosamente non firmato. Questo mi lascia presupporre che o chi l’ha scritto si vergogna, oppure che è proprio tutto il giornale che la pensa così. Ad ogni modo, è un ottimo segnale, perché è il canto di chi si dispera. L’articolo parla dei giacimenti nascosti per 700 milioni […]
Ambiente & Veleni - 1 febbraio 2015

Inquinamento ambientale: multa milionaria alla Andarko Petroleum, altro che discarica di Bussi

“If you are responsible for 85 years of poisoning the earth,  you are responsible for cleaning it up”  Procuratore Preet Bharara, nell’assegnare la più grande multa ambientale nella storia americana. Il giorno 23 Gennaio 2015 è stato un giorno storico per chiunque combatta l’inquinamento ambientale. La ditta Andarko Petroleum – che fra l’altro possiede anche il 25% della […]
Ambiente & Veleni - 29 gennaio 2015

Scozia, stop al fracking. A decidere saranno i cittadini

This is a very big nail in the coffin for the unconventional gas and fracking industry in Scotland Friends of the Earth, Scotland Da oggi una moratoria sul fracking in Scozia. Lo annuncia la Bbc, secondo la quale il governo di Scozia ha annunciato il blocco di tutte le operazioni di fracking finché i ministri preposti […]

•Ultima ora•

×