/ / di

Maria Rita D'Orsogna Maria Rita D'Orsogna

Maria Rita D'Orsogna

Fisico, docente universitario, attivista ambientale

Sono nata e cresciuta nel Bronx ed ho trascorso l’infanzia fra la tolleranza e la curiosità di New York City e la serenità e il verde di Lanciano, in provincia di Chieti.

Mi sono laureata a Padova in Fisica nel 1996 e dopo aver trascorso del tempo a Milano, Parigi, Chicago e Washington sono approdata a Los Angeles, dove vivo stabilmente dal 1999.

È una città che ancora mi sorprende e che adoro, per tutta la sua ricchezza umana e culturale e non solo per il sole splendente della California.

Nel 2007 venni a sapere che l’ENI intendeva trasformare i vigneti di Ortona, lungo la costa teatina, in un campo di petrolio con annessa raffineria.

Non so cosa sia scattato dentro di me ma, sebbene lontana, non potevo accettare che l’ENI portasse via un angolo d’Abruzzo e cosi, in un misto di amore italiano e di razionalità americana, ho dato tutto quello che avevo per salvare la contrada Feudo dalle grinfie dei petrolieri.

Grazie a una mobilitazione popolare senza precedenti in Abruzzo, ci siamo riusciti: l’ENI nel 2010 ha abbandonato quello che aveva sbandierato ai suoi investitori come il suo progetto più ambizioso in Italia.

Da allora non ho smesso mai. Ci sono concessioni petrolifere da Vercelli fino a Pantelleria, tutte in piccoli paradisi naturali. Cerco di usare tutto quello che il web offre per informare il cittadino comune, per rompere le scatole e per ricordare a petrolieri e politici che l’Italia non è l’Arabia Saudita.

Vengo in Italia frequentemente per conferenze e per sfatare i miti di Assomineraria e compari. Spesso mi dicono di essere ‘la pasionaria del petrolio’, invece il mio è soltanto un profondo senso di giustizia sociale e del dovere, sentimento stancante ma da cui non ci si può sottrarre.

www.csun.edu/~dorsogna

www.dorsogna.blogspot.com

No all’Italia petrolizzata

Post di Maria Rita D'Orsogna

Ambiente & Veleni - 9 febbraio 2016

Abruzzo boccia Ombrina e regala altre 26 aree trivelle-free al resto d’Italia

Mi sveglio. E’ una mattina californiana di sole. E’ il 5 Febbraio 2016. La mia casella postale scoppia di messaggi. Abbiamo vinto. Il governo annulla Ombrina e altre 26 concessioni petrolifere a mare, tutte entro le dodici miglia dalla riva. Apro i siti dell’UNMIG per la conferma.  Leggo: “Rigetto totale”. Queste parole sono soavi nella […]
Ambiente & Veleni - 5 febbraio 2016

Petrolio, dopo 32 anni arrivano la Vega B e nuovi pozzi nei mari di Sicilia

“Nossignori. Per me, io sono colei che mi si crede!” Luigi Pirandello, Cosi è (se vi pare) Il giallo tragicomico delle piattaforme Vega A e B al largo delle coste di Ragusa in Sicilia va avanti da trent’anni. Titolare attuale della cosiddetta C.C6.EO è la Edison al 60% con Eni socio di minoranza al 40%. L’originario […]
Ambiente & Veleni - 3 febbraio 2016

Francia: mille chilometri di strade al sole, pavimentate con pannelli solari

“Walking on sunshine” è una canzone di trent’anni fa, che adesso sarà realtà in Francia. Anzi, per i cugini d’oltralpe sarà “Driving on sunshine”. Il governo francese ha appena approvato un progetto di pavimentazione di mille chilometri di strada con pannelli fotovoltaici entro i prossimi cinque anni. Se avrà successo, il progetto darà energia a cinque […]
Ambiente & Veleni - 28 gennaio 2016

Trivelle alle Tremiti: e se arrivasse un terremoto?

“Seismicity mostly occurs in central Gargano and further to the north, toward the Tremiti Islands and central Adriatic. Seismic deformation is currently affecting the basement of the Gargano region, as indicated by the hypocentral depths of the largest earthquakes” “Although the Mattinata fault is the major tectonic element in the region, little seismicity is located […]
Ambiente & Veleni - 24 gennaio 2016

San Francisco: divieto alle bottiglie di plastica e zero-waste entro il 2020

“San Francisco has set the goal of achieving zero waste, or sending nothing to the landfill or incineration, by the year 2020″ Leggo che il governo Renzi ha deciso con lo Sblocca Italia di costruire almeno 12 inceneritori. Non li potrò mai chiamare termovalorizzatori, perché non c’è niente da valorizzare. Sono inceneritori perché bruciano mondezza, e […]
Ambiente & Veleni - 23 gennaio 2016

Danimarca, da due anni record mondiale per energia prodotta dal vento

E’ inarrestabile il vento di Danimarca.  Nel 2014 i danesi produssero il 39% di energia elettrica dal vento, un record mondiale. Questa percentuale non è un picco, ma la media su tutto l’anno. Nel 2015 hanno migliorato il loro stesso record, con il 42% di energia eolica, prodotta principalmente nello Jutland e nel Funen, nella […]
Ambiente & Veleni - 21 gennaio 2016

Leonardo DiCaprio, appello ai petrolieri: lasciate le fonti fossili sottoterra

We cannot afford to allow the corporate greed of the coal, oil and gas industries to determine the future of humanity. Leonardo Di Caprio 19 Gennaio 2016, Davos, Svizzera E’ un appassionato Leonardo DiCaprio quello che parla alla platea di Davos, Svizzera dove si svolge il Forum Mondiale dell’Economia. Leonardo DiCaprio è qui per essere onorato per il […]
Ambiente & Veleni - 18 gennaio 2016

Nicaragua, energia rinnovabile al 90% entro il 2020

La svolta rinnovabile del Nicaragua, la seconda nazione più povera dell’America Latina dopo la Bolivia, in pochi anni ha letteralmente rivoluzionato il paese. Se tutto va bene, entro il 2017 saremo al 75% di energia elettrica da rinnovabili ed entro il 2020 al 90%. Parliamo sempre del Costa Rica e dei suoi meravigliosi traguardi energetici, del suo aspirare […]
Ambiente & Veleni - 16 gennaio 2016

Trivellazioni, il 2015 è stato l’anno delle fonti rinnovabili. Ditelo al ministro Guidi

In questi giorni di petrol-scontento per l’approvazione delle operazioni di airgun al largo delle isole Tremiti, per i giochini sulle date scelte per la reintroduzione della fascia di protezione delle dodici miglia, e per il tormentone referendum sì o no, arrivano le parole rassicuranti del ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, 46 anni, mamma e […]
Ambiente & Veleni - 14 gennaio 2016

Olanda, nel 2018 il 100% dei treni sarà alimentato dal vento

Nel 2014  il governo olandese ha preso una decisione magnifica: rimodernare i quasi 3000 chilometri del suo sistema ferroviario entro il 2018 e far correre i suoi treni usando solo elettricità dal vento. Nel 2015 erano già arrivati al 50% di energia rinnovabile usata per le locomotive d’Olanda. Entro il 2016 si arriverà al 70%, nel […]

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×