/ / di

Maria Rita D'Orsogna Maria Rita D'Orsogna

Maria Rita D'Orsogna

Fisico, docente universitario, attivista ambientale

Sono nata e cresciuta nel Bronx ed ho trascorso l’infanzia fra la tolleranza e la curiosità di New York City e la serenità e il verde di Lanciano, in provincia di Chieti.

Mi sono laureata a Padova in Fisica nel 1996 e dopo aver trascorso del tempo a Milano, Parigi, Chicago e Washington sono approdata a Los Angeles, dove vivo stabilmente dal 1999.

È una città che ancora mi sorprende e che adoro, per tutta la sua ricchezza umana e culturale e non solo per il sole splendente della California.

Nel 2007 venni a sapere che l’ENI intendeva trasformare i vigneti di Ortona, lungo la costa teatina, in un campo di petrolio con annessa raffineria.

Non so cosa sia scattato dentro di me ma, sebbene lontana, non potevo accettare che l’ENI portasse via un angolo d’Abruzzo e cosi, in un misto di amore italiano e di razionalità americana, ho dato tutto quello che avevo per salvare la contrada Feudo dalle grinfie dei petrolieri.

Grazie a una mobilitazione popolare senza precedenti in Abruzzo, ci siamo riusciti: l’ENI nel 2010 ha abbandonato quello che aveva sbandierato ai suoi investitori come il suo progetto più ambizioso in Italia.

Da allora non ho smesso mai. Ci sono concessioni petrolifere da Vercelli fino a Pantelleria, tutte in piccoli paradisi naturali. Cerco di usare tutto quello che il web offre per informare il cittadino comune, per rompere le scatole e per ricordare a petrolieri e politici che l’Italia non è l’Arabia Saudita.

Vengo in Italia frequentemente per conferenze e per sfatare i miti di Assomineraria e compari. Spesso mi dicono di essere ‘la pasionaria del petrolio’, invece il mio è soltanto un profondo senso di giustizia sociale e del dovere, sentimento stancante ma da cui non ci si può sottrarre.

www.csun.edu/~dorsogna

www.dorsogna.blogspot.com

No all’Italia petrolizzata

Post di Maria Rita D'Orsogna

Ambiente & Veleni - 26 gennaio 2015

Alaska, bye bye petrolieri

Alaska’s National Wildlife Refuge is an incredible place — pristine, undisturbed. It supports caribou and polar bears, all manner of marine life, countless species of birds and fish, and for centuries it supported many Alaska Native communities. But it’s very fragile. Presidente Obama, 24 Gennaio 2015 Per anni qui negli Usa si è discusso di […]
Ambiente & Veleni - 17 gennaio 2015

Sicilia, il New York Times parla dei nostri vini mica del petrolio

Sicily’s new-wave wines immediately stood out as distinctive cultural emblems. I love these wines. I love the lightness of their textures, the purity of the red fruit and mineral flavors, their refreshing nature, their elegance and their subtlety. Eric Asimov, New York Times Chissà se Rosario Crocetta e Angelino Alfano leggono il New York Times. Perché è […]
Ambiente & Veleni - 15 gennaio 2015

Petrolio, dall’Artico scappano tutti

A voglia a dire che trivellano per la sicurezza energetica e per amor di patria. La verità è che trivellano solo per  denaro, e adesso che il denaro scarseggia, ecco. Dall’Artico di Groenlandia scappano tutti. La norvegese Statoil, la danese Dong – Danish Oil and Natural Gas – e la francese Gdf Suez restituiscono le […]
Ambiente & Veleni - 13 gennaio 2015

Nigeria, la vittoria di Bodo contro la Shell

Oil pollution in the Niger Delta is one of the biggest corporate scandals of our time. Shell needs to provide proper compensation, clear up the mess and make the pipelines safer, rather than fighting a slick PR campaign to dodge all responsibility Audrey Gaughran, Amnesty International It’s everywhere. The wind blows the oil on our vegetable crops, our […]
Ambiente & Veleni - 11 gennaio 2015

Petrolio in Scozia: conviene davvero investire nel greggio?

estrazione petrolio 675 It’s close to collapse. In terms of new investments – there will be none, everyone is retreating, people are being laid off at most companies” Robin Allan, su the BBC news Il primo ministro scozzese si chiama Nicola Sturgeon, è una donna ed è una fervente sostenitrice dell’indipendenza di Scozia. La scorsa estate, al tempo […]
Ambiente & Veleni - 6 gennaio 2015

Sblocca Italia: ecco perché è per più versi anticostituzionale

Paolo Maddalena, classe 1936, è un magistrato, giurista e giudice costituzionale, specializzato, fra le altre cose, in diritto romano, diritto amministrativo e costituzionale e diritto ambientale. La sua ricca biografia su Wikipedia ricorda che è entrato nella magistratura della Corte dei Conti nel 1971 e che ha svolto numerose istruttorie su temi ambientali, facendo parte del […]
Ambiente & Veleni - 1 gennaio 2015

Trivelle: per Chevron e Bristol Bay finalmente ‘buone nuove’

bristol bay tagliata Credo che siano buone notizie. A causa di quelle che chiamano “incertezze economiche nell’industria”, la Chevron ha deciso di rimandare a data da destinarsi i progetti di trivellazione del Beaufort Sea nella parte canadese dell’Artico ed abbandona il blocco El 481 a 250 kilometers a nordest di Tuktoyaktuk. La Chevron programmava la trivellazione nel Beaufort […]
Sport & miliardi - 22 dicembre 2014

Olimpiadi 2024, Roma e l’unico successo dei Giochi di Los Angeles

Roma propone la sua candidatura per le Olimpiadi del 2024 con il supporto del primo ministro Matteo Renzi. Il Fatto Quotidiano fa un reportage sullo stato pietoso delle strutture del 2006 a Torino: “Abbandono, occupazioni e degrado: l’eredità delle Olimpiadi Torino” si legge. Strutture dilapidate anche ad Atene. Recessione per Nagano dopo le Olimpiadi del 1998. […]
Ambiente & Veleni - 18 dicembre 2014

Fracking, la svolta di Cuomo: lo Stato di New York vieta le trivelle. Renzi prenda esempio

Saranno le elezioni del 2016 che si avvicinano, sarà che la pressione è stata martellante, sarà che chissà forse un po’ ci crede anche lui, ma oggi 17 dicembre il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo ha annunciato che il fracking sarà vietato nello Stato da lui amministrato. Perché? Perché ci sono “gravi preoccupazioni” […]
Ambiente & Veleni - 16 dicembre 2014

Tap, il gas di Ravenna, lo stoccaggio di Cremona e la lezione dei cinque chilometri di Foggia

Il giorno 10 dicembre 2014 c’e’ stata una esplosione a Ravenna, non lontano dal centro cittadino, con scoppi, botti, evacuazione e fiamme di varie decine di metri nei pressi nella centrale di smistamento del gas della Snam. Per fortuna nessuno si è fatto male. A me sono arrivate varie segnalazioni: “… è stato davvero impressionante. […]

•Ultima ora•

×