Ci sono quattro persone indagate per lesioni nell’inchiesta sulla rissa scoppiata la notte tra venerdì e sabato scorso, fuori da un locale dell’Eur a Roma, durante la quale è rimasto ferito una ragazzo di 17 anni trovato, dopo alcune ore, privo di conoscenza nel parcheggio della “Nuvola”. La Procura di Roma ha proceduto all’iscrizione di quattro ragazzi, tutti ventenni, con l’accusa di lesioni gravissime.

La formalizzazione dell’accusa è arrivata dopo che il pm Roberto Felici ha ricevuto una prima informativa da parte degli agenti del commissariato Esposizione che stanno indagando su quanto avvenuto. La polizia già nella giornata di domenica ha identificato almeno 10 persone, tra loro anche minorenni, che hanno preso parte alla rissa scoppiata per qualche apprezzamento di troppo verso alcune ragazze. Prima ci sarebbe stato uno scambio di insulti, poi si è passati alle vie di fatto e i due gruppi si sarebbero affrontati a colpi di schiaffi e pugni. Una rissa durata pochi minuti ad una manciata di metri dall’ingresso del locale dopo le due comitive di amici, una arrivata all’Eur dalla zona di Casal Palocco l’altra da Ostia, avevano deciso di trascorrere il venerdì sera.

Il 17enne è ancora ricoverato in rianimazioni all’ospedale San Camillo in condizioni gravi ma stabili, è stato raggiunto da alcuni colpi al volto e che si è dato alla fuga in direzione del nuovo centro congressi. Il ragazzo, forse anche a causa di qualche drink di troppo, avrebbe perso l’equilibrio cadendo rovinosamente nella zona del parcheggio, nel seminterrato della struttura disegnata da Massimiliano Fuksas. Obiettivo di chi indaga è chiarire perché il ragazzo abbia deciso di scavalcare la recinzione. Le ferite riportate dal 17enne sono compatibili con la caduta dalla rampa che aveva raggiunto forse in preda al panico per quanto avvenuto pochi minuti prima.