Sono una decina, alcuni minorenni e altri appena maggiorenni, sia ragazzi che ragazze. Secondo la polizia sono coinvolti nel pestaggio avvenuto due sere fa fuori da un locale dell’Eur, a Roma, in seguito al quale un 17enne è scomparso ed è poi stato ritrovato privo di sensi e ferito. Attualmente il ragazzo è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale San Camillo della capitale ed è in coma farmacologico. Le sue condizioni rimangono gravi ma stabili.

Il ragazzo è scomparso venerdì sera in seguito alla lite scoppiata davanti al Room 26 di piazzale Marconi, la stessa discoteca dove nei mesi scorsi un ragazzo ferì quattro buttafuori a colpi di arma da fuoco dopo una discussione. Intorno alle 4.30 del mattino un amico aveva dato l’allerta al 112, dicendo di non averlo più visto. Il 17enne è stato ritrovato dieci ore dopo nel parcheggio della Nuvola, il centro congressi di Fuksas, in stato di incoscienza e con il volto tumefatto. È stato subito portato al San Camillo, dove gli sono stati diagnosticati un trauma cranico, uno toracico e uno all’addome.

Secondo quanto ricostruito finora, fuori dal locale è nata una lite tra due comitive di giovani che già si conoscevano. I toni si sono scaldati per motivi banali, forse per una ragazza o un drink. Da lì è partita la scazzottata e il 17enne, forse impaurito, è scappato, lasciando cellulare e documenti agli amici. Secondo gli investigatori il ragazzo è stato prima inseguito da due persone con cui aveva litigato e poi anche da alcuni amici, che però all’altezza di viale Europa hanno perso le sue tracce. A quel punto il ragazzo ha probabilmente scavalcato la recinzione del parcheggio del centro congressi, a un centinaio di metri dal locale. Una telecamera lo ha ripreso sulla rampa all’interno.

Per questo i poliziotti del commissariato Esposizione, che stanno indagando sulla vicenda, stanno cercando di capire se le gravi lesioni riportate dal ragazzo ricoverato al San Camillo siano dovute a un pestaggio o a una caduta, che potrebbe essersi verificata mentre il giovane tentava di superare i cancelli della Nuvola. Le ferite sono compatibili sia con l’ipotesi della caduta sia con quella che vede il giovane rincorso e picchiato.