La “Direttiva Minniti” è la nuova Bibbia per automobilisti in tema di autovelox e tutor e potrebbe mettere definitivamente fine alle multe a sorpresa per eccesso di velocità. La circolare del Ministro degli Interni fissa l’obbligo di rendere perfettamente visibili le postazioni fisse automatiche per il rilevamento della velocità, indicandole in maniera evidente tramite un segnale con il simbolo del corpo di polizia che le gestisce (il casco per i vigili urbani, la sagoma di un agente per la Stradale).

In particolare la circolare con le nuove regolamentazioni – emanata il 7 agosto 2017 dal dipartimento Pubblica sicurezza del ministero dell’Interno – impone agli enti responsabili della segnaletica di eliminare i vecchi cartelli stradali con preavviso di autovelox, quelli con caratteristiche grafiche non regolamentari, o posizionati in luoghi dove in realtà non vige alcun controllo della velocità.

Le apparecchiature di rilevamento dovranno inoltre essere tarate almeno ogni 12 mesi per poter elevare multe legittime. Senza contare che gli agenti saranno obbligati a verificare la perfetta taratura di una nuova apparecchiatura prima della sua entrata in servizio: i test in merito saranno riportati in un verbale e ripetuti almeno una volta ogni 20 controlli per i dispositivi che operano in modalità istantanea (telelaser) e 100 per quelli in modalità media (tutor). Di questa attività è opportuno dar conto anche in ciascun verbale d’infrazione, con la documentazione dei “test di efficienza” depositati negli atti dell’ufficio che procede a contestare l’infrazione.

Diventano quindi fuorilegge (e pertanto impugnabili dinanzi al Prefetto o al Giudice di pace) le multe fatte da auto civetta o da strumenti nascosti: il velox e gli agenti che lo controllano devono essere ben visibili dal guidatore. La distanza fra cartellonistica di avviso e dispositivo di rilevazione sarà “adeguata” – tale da non provocare brusche frenate con conseguente rischio di tamponamenti – e non superiore ai 4 km: indicativamente si parla di 250 metri per autostrade e strade extraurbane principali; 150 metri per le strade extraurbane secondarie e urbane di scorrimento con velocità superiore a 50 km/h; 80 metri per tutte le altre strade.

Discorso valido anche per quanto riguarda i controlli eseguiti dalle pattuglie con postazioni mobili: se gli accertamenti nello specifico tratto stradale non sono frequenti e programmati, gli agenti di Polizia saranno obbligati a installare a terra cartelli di preavviso, per poi toglierli appena finito il servizio, anche in presenza di cartellonistica fissa. Inoltre se gli accertamenti per eccesso di velocità sono effettuati su entrambi i sensi di marcia, la segnaletica dovrà specificarlo chiaramente agli utenti della strada.