“Lei non ce l’ha fatta e mi sento in colpa perché sono stato io ad insistere affinché acquistassimo questa villetta in Kenya”. Parla dal letto del Mombasa Hospital, Luigi Scassellati. Sua moglie, Maria Laura Satta, è stata uccisa nel corso di una violenta rapina nella loro villa di Kikambala, sulla costa nord del Paese. Lui si è salvato, ma non riesce a parlare bene perché con una bastonata gli assalitori gli hanno fatto saltare le protesi dentarie. “Lei era a terra in bagno – ricorda l’uomo, intervistato dal sito Africa-ExPress.info – piena di sangue e non si muoveva. La chiamavo, ma non rispondeva”. La polizia ha fermato il giardiniere della coppia, sospettato di aver avuto un ruolo nell’organizzazione della rapina. Martedì a Mombasa arriveranno i figli delle vittime, Roberto e Stefano.

(Foto Africa ExPress.info)