Ci si attendeva una stangata, ma Bruxelles è andata oltre. La Commissione Ue ha inflitto a Google una multa record da 2,42 miliardi di euro, la più alta mai comminata dalla Ue, perché ha abusato della sua posizione dominante nel campo dei motori di ricerca, dando un vantaggio illegale al suo servizio di comparazione degli acquisti. Nelle previsioni della vigilia la sanzione non sarebbe dovuta andare oltre il miliardo. L’azienda ha ora 90 giorni per mettere fine alla pratica, oppure dovrà affrontare una nuova ammenda: fino al 5% del fatturato giornaliero di Alphabet.

Secondo l’esecutivo comunitario, il colosso di Mountain View ha sistematicamente dato maggior risalto al suo servizio di comparazione degli acquisti: quando un utente cerca su Google un prodotto, il suo servizio di shopping gli propone le varie possibilità accanto ai risultati in alto, quindi molto visibili. I servizi di comparazione degli acquisti dei suoi rivali, sono invece lasciati nella colonna dei risultati generici, selezionati dagli algoritmi generici.

“Le prove dimostrano che il competitor messo maggiormente in risalto compare soltanto a pagina 4 dei risultati”, spiega la Commissione in una nota. Il problema è che i consumatori cliccano molto più spesso sui prodotti più visibili, e quindi su quelli sponsorizzati da Google. I numeri non lasciano dubbi, spiegano i regolatori europei: i risultati sulla prima pagina guadagnano il 95% di tutti i click, quelli sulla seconda solo l’1%.

“La strategia usata da Google per i suoi servizi shopping non era solo attrarre gli utenti rendendo i suoi prodotti migliori di quelli dei rivali. Google ha invece abusato della sua posizione dominante sul mercato della ricerca per promuovere il suo servizio di comparazione dello shopping nei suoi risultati, declassando quelli dei suoi concorrenti. Quello che ha fatto è illegale per le regole antitrust“, ha detto la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager. Per la commissaria il leader delle ricerche sul web ha “negato alle altre aziende la possibilità di competere sui loro meriti e di innovare”, e “più importante ancora ha negato ai consumatori Ue una scelta genuina di servizi”.

La multa “tiene in considerazione la durata e la gravità dell’infrazione” ed è calcolata sulla base del valore dei ricavi che Google ha fatto sul servizio shopping. Inoltre Bruxelles chiede di mettere fine all’infrazione entro 90 giorni, rispettando il principio dell’ “equo trattamento dei rivali e dei loro servizi”.

“Quando fate acquisti online, quello che volete è trovare in maniera facile e veloce i prodotti che state cercando – la replica di Kent Walker, vicepresidente senior e consigliere generale di Google – allo stesso tempo, chi li vende vuole promuovere questi stessi prodotti. Ecco perché Google mostra annunci pubblicitari Shopping, mettendo in contatto le persone con migliaia di inserzionisti, grandi e piccoli, portando benefici ad entrambe le parti. Siamo rispettosamente in disaccordo con le conclusioni annunciate oggi. Analizzeremo nel dettaglio la decisione della Commissione, considerando la possibilità di ricorrere in appello, e continueremo a sostenere la nostra causa”.

Esultano i consumatori: la decisione “segna una svolta” in quanto “ha confermato che i consumatori non vedono quello che è più rilevante per loro sul motore di ricerca più utilizzato al mondo ma piuttosto quello che è meglio per Google“, argomenta l’associazione del Beuc, uno dei ricorrenti formali che si è rivolto all’Antitrust Ue per difendere il diritto di consumatori a vedere risultati neutrali e basati sulla qualità anziché i prodotti sponsorizzati da Mountain View. “Ora dobbiamo vedere cambiamenti reali”, ha avvertito la direttrice Monique Goyens, secondo cui il comportamento di Google nei servizi Shopping “è solo la punta dell’iceberg”. Per questo, conclude, “la decisione di oggi è un precedente importante di come la Commissione valuta l’impatto di comportamenti anticoncorrenziali sui mercati digitali per i consumatori”.