Quattro morti tra cui un bambino di 8 anni e diversi feriti, una famiglia distrutta. È il bilancio di uno scontro avvenuto domenica mattina nella galleria Jannello dell’autostrada A2 Salerno-Reggio Calabria. L’impatto tra una Renault e una Suzuki si è verificato in un tratto a corsa unica, perché interessato da lavori, tra Laino Borgo e Mormanno, in provincia di Cosenza.

Due delle vittime sono originarie del Napoletano. Si tratta di Raffaele La Rocca, 40 anni, e suo figlio Luigi, 8 anni. Insieme a loro viaggiavano la moglie Antonietta Dentino, 37 anni, ricoverata in gravi condizioni a Cosenza e altre due figlie, di 4 e 12 anni, entrambe ricoverate sempre nel capoluogo calabrese. Le altre due persone decedute sono una coppia genovese, Santo Moschella e Olga Brancone, rispettivamente 85 e 83 anni, che si trovavano a bordo della Suzuki.

Un altro grave incidente si è verificato nella notte, attorno alle 2.30, in Sicilia. Tre persone sono morte nello scontro frontale tra una Bmw320 e un’Alfa Gt lungo la strada statale Ragusana, all’altezza di Lentini, nel Siracusano. La vittime sono Simone Gulino e Giorgio Licitra, rispettivamente di 27 e 34 anni, di Ragusa, che lavoravano in una pizzeria. E Mirko Mezzapesa, 43 anni di Lentini, dipendente di un’agenzia di assicurazioni.

La dinamica deve essere ancora accertata con esattezza dai carabinieri del nucleo operativo radiomobile di Augusta, ma una delle due autovetture avrebbe invaso l’altra corsia. Probabilmente a causa dell’alta velocità, la Bmw ha fatto un volo di circa 4 metri, oltrepassando il guard rail e finendo sul terreno dove ha preso fuoco. Il conducente è stato sbalzato fuori ed è morto sul colpo.