Militanti di ultradestra, di Lealtà Azione e di Forza Nuova, si sono ritrovati domenica 7 maggio al cimitero Maggiore di Lodi per commemorare Sergio Ramelli, lo studente di 19 anni militante del Fronte della Gioventù, ucciso a Milano il 29 aprile 1975. Presenti circa 100 persone, che hanno deposto  mazzi di fiori. Alla fine hanno alzato il braccio destro evocando il saluto romano. Un copione simile a quello di fine aprile, quando centinaia di militanti hanno fatto il saluto romano al Campo 10 del cimitero Maggiore di Milano in ricordo dei morti della Repubblica di Salò.