Nasce a Carrara la prima Lista Trump, il cui obiettivo è presentarsi alle prossime elezioni amministrative della città, previste per la primavera di quest’anno. Creatore del partito, che per l’occasione locale prende il nome di “Lista Trump con Musetti per Carrara“, è Gianni Musetti, 31 anni, ex consigliere comunale di An poi de La Destra, attuale segretario nazionale di Gioventù italiana. Intervistato a Ecg Regione (Radio Cusano Campus), Musetti spiega le finalità del suo movimento, che assurge ad avere estensione nazionale e a riunire il centrodestra attorno a “un nome forte come Trump”, l’unico, a suo dire, a difendere le fasce più deboli. Poi motiva la presenza di 5 stelle nel logo del suo partito: “Nel simbolo quelle 5 stelle non sono casuali, perché portiamo l’idea del M5S a destra e gli diamo una caratteristica lo differenzi da tutti gli altri con un nome, quello di Trump. Un’alleanza con Beppe Grillo? Me lo stanno chiedendo in tanti, la cosa sarebbe piacevole. Grillo è sempre stato di destra, il problema è che ha creato un movimento politico composto per la maggior parte da delusi dalla sinistra, o meglio da persone che hanno provato a sfondare a sinistra senza riuscirci. Grillo ha questa anima di destra che ogni tanto gli salta fuori. E infatti abbiamo visto le sue dichiarazioni favorevoli a Trump, dopo la vittoria del presidente Usa”. Ma precisa: “Grillo poteva essere il Trump italiano, ma ha perso il treno purtroppo, perché si è fatto condizionare da se stesso. Cioè dalla sua voglia di governare il M5S come se fosse un’azienda, come se fosse la Casaleggio Associati. Diciamocelo: il M5S è una grande realtà politica, ma serve per fare click sul blog di Beppe Grillo e per dare incassi alla Casaleggio Associati”