Bentornati a Ten Talking Points, l’unica rubrica che passa i weekend al Castello di Montignano a Massa Martana con Abigail Spencer e quindi parla per sentito dire, non avendo visto una mazza di calcio. Altre considerazioni.

1. Vincono tutte le prime sei, tutte a fatica tranne la Juve. Tali trionfi rendono meno roboante la quarta vittoria di fila dell’Inter, che nulla guadagna sulle prime cinque. Ciò nonostante, l’Inter ha comunque già vinto i Mondiali e Medel il Golden Globe.

2. Mentre il web rideva sguaiatamente per la foto senza buzza di Higuain, pare taroccata goffamente per renderlo meno adiposo, il diretto interessato se ne fregava, trangugiava quello che voleva e si preparava a far scempio del Bologna. La Juventus fa storia a sé: chiudete tutto.

3. Ieri, verso le 19.30, il Castello di Montignano si è irradiato di una luce inusuale. Abigail mi ha chiesto: “Cosa accade, Andrew?”. Io: “Stai tranquilla, Abi. E’ solo Roger Waters che incide il nuovo disco, donando con ciò a tutti noi la Luce”. Ella ha capito.

4. Pesantissime le vittorie (sofferte) di Roma e Napoli. La prima espugna Marassi, campo notoriamente difficilissimo se dall’altra parte c’è il Genoa. Il secondo supera la Sampdoria al fotofinish: il gol dell’ex Gabbiadini, sin qui assai deludente, non era neanche quotato. Importante anche il gol con cui Immobile ha spezzato le reni al Crotone, ma la Lazio – pur se oltremodo meritevole – seconda o terza non arriverà mai. Come il Milan.

5. Già, il Milan. Siam sempre lì. Assai convincente in difesa, assai evanescente in attacco (Niang in piena involuzione) e Culovic tra i migliori in campo. Lapadula, la versione offensiva di Gattuso, sempre più decisivo e sempre più idolo delle masse. Bacca è tornato al gol, ma la sua idea di squadra resta quella di una stalagmite alle grotte di Frasassi.

6. Pioli sta facendo cose straordinarie, ma non sono sorpreso: lui è un ottimo allenatore e la rosa dell’Inter è da terzo posto. La quarta piazza è già sua. Per la terza deve sperare in qualche passo falso del Che Gue Sarri. Possibile.

7. Ieri, verso le 19.35, il Castello di Montignano si è irradiato di una luce inusuale. Abigail mi ha chiesto: “Cosa accade, Andrew?”. Io: “Stai tranquilla, Abi. E’ solo Suso che ha appena fatto un assist, donando con ciò a tutti noi la Luce”. Ella ha capito.

8. E’ davvero curioso come, ieri, in quasi tutti i match di Serie A nei primi 85 minuti non sia successo proprio un Nardella.

9. Ogni giorno gliene vendono uno, ma Gasperini non smarrisce mai la Via e dispensa letizia con atarassia inesausta. Vi è davvero Grazia nella sua Atalanta. Sia dunque lode.

10. Ieri, verso le 19.40, il Castello di Montignano si è irradiato di una luce inusuale. Abigail mi ha detto: “Cazzo, Andrew, ma con tutti i posti tranquilli che c’erano dovevamo venire proprio in questa sorta di luna park dove fa giorno anche di notte?”. E se n’è andata, lasciandomi in braghe di gozi. Peccato.

P.S. Un abbraccio a Perin. Tieni duro, ragazzo: sei forte e non può piovere per sempre.