/ / di

Cronaca

Scontro treni Puglia, abituati a essere figli di un Dio minore

di | 13 luglio 2016
Scontro treni Puglia, abituati a essere figli di un Dio minore
Profilo blogger
I post scritti dai lettori

di Marco Marangio

Inutile esprimersi con perifrasi d’occasione. La constatazione è chiaramente lapalissiana: il drammatico disastro ferroviario della Corato Andria non sarebbe mai dovuto succedere. Non in questo secolo, non nell’era della continua evoluzione tecnologica, non nell’era della banda larga. La foto panoramica che è divenuta subito virale nel giro di “poche” condivisioni, avrebbe trovato plausibili giustificazioni in uno scenario storico da Far West. Non certo nel nostro 2016.

13599839_10209855342323226_872806802566006963_n

Eppure basterebbe contestualizzare lo scontro per iniziare a trarre qualche semplice ma oggettiva valutazione: Italia, Puglia, Sud.

Chi è o è stato studente, lavoratore, pendolare del sud sa riconoscere alcune assonanze, alcuni quotidiani quanto spiacevoli disservizi. La grandi piccole anomalie delle infrastrutture e dei trasporti non sono più l’eccezione, quanto la regola. Tanto si è avvezzi nell’essere figli di un dio minore. Tanto si è abituati nel vedere strutture e mezzi fatiscenti.

E’ ancora fin troppo presto per elargire sentenze e verità, che usciranno alla ribalta soltanto dopo il lavoro della magistratura e delle autorità competenti. Ma dai tanti commenti dei superstiti, dalle tante oggettive osservazioni fatte a posteriori, si evince un’unica situazione: uno dei due treni era sul binario sbagliato nel momento sbagliato. Unico binario. Nonostante il sistema ferroviario italiano sia fra i primi efficienti in Europa, nonostante l’alta velocità, esistono tratte paradossalmente anacronistiche in termini qualitativi. Esistono anche e sopratutto poiché è il Sud. E’ preferibile, tra l’altro, non scendere ulteriormente: Calabria e Sicilia potrebbero presentare mancanze strutturali ben più peggiori.

Il tutto è ormai vissuto dai residenti come l’ovvia quotidianità. Salvo poi vedere o, peggio ancora, assistere ad eventi mortali come quello della Corato Andria. Allora tutti si destano dal torpore della ragione, sopratutto i politici. Scossi visibilmente, è chiaro. Dichiarazioni d’occasione, com’è d’uopo.
La politica fa tutto il possibile. Tutte le energie vengono profuse, ma nel giorno del disastro.

Eppure dal “day after” tutto si affievolisce: le vittime vengono ricordate dai famigliari e dalle cittadine di appartenenza, le esternazioni dei padroni delle policy finiscono in fondo pagina. La vita continua. Le corse, su quell’unico binario, riprenderanno regolarmente.

A chi andrà la maxima culpa? Al solo uomo che non doveva guidare il treno sulla tratta, oppure a tutto il “sistema Italia” che non prevede, non regolarizza, non adegua il territorio locale (sopratutto del Sud) con una rete ferroviaria degna di tal nome?

In tutto questo (in)opportuno rimbalzo di responsabilità che avverrà da oggi e nei giorni a venire, una grande lezione è stata già data dai veri eroi della drammatica vicenda: le Forze dell’ordine tutte e i cittadini che in centinaia hanno invaso Asl e ospedali per donare il proprio sangue.

Questo l’episodio che mostra quanto gli italiani siano uniti. L’Italia, evidentemente, no.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club.Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Scontro treni, la notizia della tragedia ferroviaria rimbalza sui tg di tutto il mondo

»
Articolo Successivo

Lorenzo Amurri, ora che sei libero viaggia leggero. E alza il volume

«
Articolo Precedente

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×