“La permanenza al governo è legato al referendum, quindi se perdiamo i ballottaggi a Roma e Milano non mi dimetterei“. Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi intervistato da Lilli Gruber a “Otto e mezzo” (La7) commenta il voto alle amministrative. E aggiunge: “Certo se il Pd perde a Roma ho l’impressione che saltino le Olimpiadi 2024 e se perde a Milano, vorrà dire che amministrerà Parisi. A Napoli – prosegue Renzi – abbiamo fallito, ma nel Napoletano abbiamo vinto in 7 comuni su 8. Non c’è quindi una lettura omogenea del voto, perché gli italiani sono più intelligenti dei politici o di alcuni commentatori”. Poi Renzi torna sulla guerra delle percentuali e le conseguenti analisi del voto che ha visto protagonisti Beppe Grillo e il presidente dem Matteo Orfini, in particolare, ha sottolineato, “non condivido la lettura per cui queste elezioni le ha vinte M5s”. “Io rispetto molto le osservazioni degli analisti – premette Renzi – ma ho sempre detto che alle amministrative si sceglie il sindaco. Il PD non è come M5S o Forza Italia dove il leader sceglie i candidati. I problemi del Pd non sono le amministrative”