Hillary Clinton potrebbe perdere anche la California, nella corsa delle primarie a candidato presidente degli Stati Uniti d’America. A sostenerlo è il Los Angeles Times, in un’analisi, per la quale Bernie Sanders – lo sfidante dell’ex segretario di Stato – è davanti di un punto percentuale, 44 a 43. Il voto è previsto martedì: anche questa tappa elettorale, dunque, diventa una partita imprevedibile per la Clinton. Sanders, secondo il LA Times, sta conquistando gruppi storicamente a favore dell’ex first lady, come le comunità ispanica e asiatica.

Il senatore democratico che si dice socialista trionfa soprattutto tra i giovani, in particolare tra coloro che votano per la prima volta. Tuttavia, secondo il Los Angeles Times, Sanders sarebbe in vantaggio in generale tra gli aventi diritto al voto, ma nello specifico riguardo agli elettori che potenzialmente andranno a votare, Hillary Clinton è avanti di 10 punti, ovvero 49% contro 39. Secondo gli esperti, quindi, Sanders può vincere se riuscirà a convincere di votare coloro che di solito non si presentano ai seggi delle primarie e che per lo più si definiscono “indipendenti”. Alle primarie in California sono in palio 546 delegati.