Alla società aveva detto di dover volare in Argentina per problemi famigliari nei giorni della storica semifinale di Champions Cup. In realtà era in un hotel di Las Vegas, assieme a Zlatan Ibrahimovic e altri giocatori del PSG, per festeggiare la vittoria del campionato e della finale di Coppa di Lega contro il Lilla. Così Martin Castrogiovanni, pilone della Nazionale italiana di rugby, è ora nei guai. Perché il suo club, il Racing Métro 92 di Parigi, lo ha sospeso.

Le foto postate sui social – e apparse anche sul profilo Instagram di Zlatan Ibrahimovic – sono inequivocabili. Mentre sabato i rugbisti del Racing giocavano (e vincevano) a Nottingham per la semifinale contro il Leicester, dove ha tra l’altro giocato per sette anni, l’azzurro se la spassava in piscina con i calciatori del Paris Saint Germain. Il quotidiano L’Equipe lo ha “pizzicato” tra gli scatti finiti in rete (guarda le foto): barba folta, occhiali da sole, torso nudo e inequivocabile tatuaggio sulla spalla sinistra, è proprio lui accanto a Ibrahimovic. Il Racing non l’ha ovviamente presa bene e ha deciso di sospenderlo in via precauzionale, in attesa che un’inchiesta interna chiarisca l’accaduto.

Il 34enne originario di Paranà, 118 presenze in Nazionale, come riporta il sito del giornale francese, è un grande amico di molti giocatori del PSG, tra i quali l’italiano Marco Verratti. E con loro va spesso a cena nel ristorante Volver. Questa volta, però, il legame rischia di costargli caro perché l’appuntamento del Racing era davvero storico. Castrogiovanni è tra i giocatori stranieri più popolari in Francia, dove ha giocato nel a Tolone, dopo aver vinto quattro Premiership inglesi vinte con il Leicester. Tanti i successi anche con il club d’Oltralpe con cui ha conquistato una Top14, il campionato transalpino di rugby, e due edizioni della Heineken Cup. Poi il passaggio al Racing, prestazioni altalenanti e una storia che rischia di naufragare. “In seguito alla pubblicazione delle immagini che mostrano Martin Castrogiovanni in un hotel di Las Vegas, il Racing 92 ha deciso di sospendere il giocatore in via precauzionale e di avviare un procedimento legale”, si legge nel comunicato pubblico sul sito del storica società parigina.