A gennaio la produzione industriale italiana è aumentata del 3,9% rispetto allo stesso mese del 2015 e dell’1,9% su dicembre. L’Istat, che ha diffuso i dati, rileva che su base mensile si tratta dell’incremento maggiore dall’agosto 2011. A novembre e dicembre la variazione su base mensile era invece stata negativa, rispettivamente dello 0,4 e dello 0,6%.

A trainare l’indice sono stati ancora una volta i mezzi di trasporto, che hanno fatto segnare un +10,9% tendenziale e un +20,9% sull’anno precedente. Bene anche i prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (+10,3%) e la fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche e altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (+7,9%).

Sono state registrate variazioni mensili positive in tutti i comparti: aumentano i beni strumentali (+5,7%), quelli intermedi (+2,5%), l’energia (+1,8%) e, in misura più lieve, i beni di consumo (+0,5%). Le diminuzioni maggiori si registrano nei comparti dell’attività estrattiva (-3,9%), delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-1,6%) e delle industrie alimentari, bevande e tabacco (-0,6%).