Dopo la chiusura delle indagini il 20 gennaio di quest’anno, arriva adesso la richiesta del rinvio a giudizio per Piero Messina e Maurizio Zoppi, i due collaboratori de L’Espresso, autori dell’articolo, pubblicato a luglio, sulla presunta intercettazione telefonica tra il governatore siciliano Rosario Crocetta e il suo medico, Matteo Tutino. Fulcro dell’articolo e dell’indagine giudiziaria, una frase pronunciata dal medico, accusato di falso, truffa e peculato, e rivolta a Lucia Borsellino, allora assessore regionale alla Salute: “Lucia Borsellino va fatta fuori. Come il padre”. Un’intercettazione sempre smentita dalla Procura di Palermo, e da altre procure siciliane, che ha indagato i due giornalisti per calunnia e pubblicazione di notizie false ed esagerate.

A ottobre dello scorso anno la Procura, dopo aver riascoltato tutte le intercettazioni contenute nell’inchiesta su Tutino e aver sentito tutti i protagonisti, aveva chiesto il giudizio immediato, rigettato dal gip per “mancanza dell’evidenza della prova”, requisito imposto dalla legge per il rito alternativo. “Dal complesso del materiale probatorio – scriveva il giudice – emerge che tra Messina e il capitano dei Nas Mansueto Cosentino, c’era un’amicizia e che spesso parlavano dell’argomento Tutino e Borsellino”.

Ai pm i giornalisti avevano spiegato di aver appreso la notizia dal capitano dei Nas che a giugno 2014 avrebbe parlato loro della conversazione in questione: “Pochissimi secondi, in verità – dicono i cronisti nella memoria difensiva presentata alla procura – di ciò che sembrava essere un dialogo. Veniva percepito un contesto che sembrava ricondurre proprio alla famosa intercettazione che riguardava l’assessore Borsellino”. In un primo momento però, non avendo altri riscontri, i giornalisti preferirono non scriverla. L’anno dopo, a seguito delle dimissioni dell’assessore Lucia Borsellino, i due ricontattarono Cosentino che avrebbe confermato il senso della frase, consigliando però di cercare ulteriori riscontri. La versione dei due collaboratori è stata smentita sia da Cosentino ai pm dopo i tentativi di riscontrare la notizia di Zoppi e Messina, sia dalla Procura.

Da alcune intercettazioni tra i due cronisti, pubblicate su Il Fatto Quotidiano, emerge un rimpallo di responsabilità tra i collaboratori e il desk romano del settimanale: secondo Messina e Zoppi da Roma il testo sarebbe stato “cambiato in corso di editing” con l’aggiunta di virgolettati. Sempre nella conversazione Messina stesso conferma di non aver ascoltato quella telefonata in prima persona ma di aver comunque  ricevuto conferme della sua esistenza: “Io che ci posso fare se non c’è? A me dagli uffici di Lo Voi, non dal dottore Lo Voi, ma da quegli uffici me l’hanno confermata. Parola per parola. E non ero solo’’. Intanto il direttore de l’Espresso, Luigi Vicinanza, continua a difendere il lavoro dei due cronisti e a ribadire la fiducia sua e “della catena di comando del desk redazionale’’ nei loro confronti.