“Potrò parlare con Parisi anche se non ho la convinzione che possa vincere le elezioni. Avevo chiesto a Berlusconi di fare un ballottaggio tra lui e me, ma non ha voluto”. In una dichiarazione a margine della Bit, Vittorio Sgarbi si sfoga così dopo la candidatura di Stefano Parisi a sindaco per il centrodestra a Milano.

“Peccato – incalza Sgarbi – perché io avrei potuto battere Sala. Su Parisi ho più di qualche perplessità. Per collaborare con con lui potrei suggerirgli cosa Sala non potrà fare, o non riuscirà a pensare di fare. Basti vedere quello che è successo ad Expo: io ho cercato, nel padiglione di Eataly, di mostrare ciò che è l’Italia, Sala, che ritengo persona onesta, ha amministrato un gioco per deficienti convincendo gli italiani ad andare all’estero e non gli stranieri a venire da noi. Sala non ha i contenuti per sostenere una città, potrebbe fare al più il sindaco di Rho”