“Potrò parlare con Parisi anche se non ho la convinzione che possa vincere le elezioni. Avevo chiesto a Berlusconi di fare un ballottaggio tra lui e me, ma non ha voluto”. In una dichiarazione a margine della Bit, Vittorio Sgarbi si sfoga così dopo la candidatura di Stefano Parisi a sindaco per il centrodestra a Milano.

“Peccato – incalza Sgarbi – perché io avrei potuto battere Sala. Su Parisi ho più di qualche perplessità. Per collaborare con con lui potrei suggerirgli cosa Sala non potrà fare, o non riuscirà a pensare di fare. Basti vedere quello che è successo ad Expo: io ho cercato, nel padiglione di Eataly, di mostrare ciò che è l’Italia, Sala, che ritengo persona onesta, ha amministrato un gioco per deficienti convincendo gli italiani ad andare all’estero e non gli stranieri a venire da noi. Sala non ha i contenuti per sostenere una città, potrebbe fare al più il sindaco di Rho”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Unioni civili, Bagnasco: “Voto segreto sulla legge”. Governo: “Non decide la Cei”

next
Articolo Successivo

Firme false Piemonte, respinti i ricorsi: Sergio Chiamparino resta presidente

next