Non sono permaloso, ho tanti difetti ma questo no. Juncker ha utilizzato delle espressioni sbagliate, succede. Pazienza. Ma quello che mi interessa è che non sbagli le politiche per l’Europa“. Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi nel corso della conferenza stampa a palazzo Chigi sulla riforma della Pubblica amministrazione ritorna sulla polemica scoppiata con il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, sulle questioni dei migranti e della flessibilità. Tanto che aveva detto a Renzi: “Ritengo che il primo ministro italiano, che amo molto, abbia torto a vilipendere la Commissione a ogni occasione”. E il premier prontamente aveva risposto: “Non ci facciamo intimidire. L’Italia merita rispetto”. Ed ora Renzi aggiunge: “Senza paura, con determinazione e decisione dico che io non sono qui a fare il portavoce del litigio, per niente”