Circa 6,5 tonnellate di artifici pirotecnici e “botti” illegali artigianali sono stati sequestrati dalle fiamme gialle delle compagnie di Caserta e Capua. Sotto sequestro anche oltre 300 kg di polvere da sparo prodotta artigianalmente, che sarebbe stata utilizzata per il confezionamento di ulteriori “botti”. Il valore commerciale della merce sottoposta a sequestro è di circa 400mila euro. Tra gli oltre 80.600 prodotti esplodenti illegali rinvenuti, c’era anche la “Bomba di Parigi”, sequestrata dai militari della compagnia di Caserta in un negozio di articoli per la casa gestito da cinesi. Il micidiale ordigno, dalla denominazione quantomeno infelice, conteneva circa 10 kg di polvere da sparo e una miccia programmata per far esplodere cento differenti colpi. Decine le perquisizioni domiciliari eseguite che hanno portato, complessivamente, alla denuncia di 34 persone per detenzione e commercio abusivo di prodotti esplodenti e per fabbricazione abusiva di materiale esplosivo