Una lettera di cinque pagine per spiegare ai giudici della corte d’assise di Caltanissetta che non è il caso di ascoltarlo come testimone. Che le energie processuali non vanno “disperse”, per di più per cercare di soddisfare richieste “di assurda vaghezza”. Autore della missiva è Giorgio Napolitano, citato come teste del processo Borsellino Quater, quello nato dalle dichiarazioni di Gaspare Spatuzza, che aveva ricostruito la fase operativa della strage di via d’Amelio.

“La mia deposizione non sarebbe rilevante e sarebbe ripetitiva”, scrive il presidente emerito al giudice Antonio Balsamo, che aveva fissato la sua audizione per il prossimo 14 dicembre, avallando la richiesta dall’avvocato Fabio Repici, legale di parte civile di Salvatore Borsellino, fratello del magistrato assassinato il 19 luglio 1992. Napolitano, però, chiedendo alla corte di cancellare la sua testimonianza, ricorda di essere già stato interrogato nell’ambito del processo sulla trattativa Stato-mafia. “In quell’occasione – scrive – nel rispondere alle domande della pubblica accusa e delle altre parti del processo, ho avuto modo di illustrare ampiamente fatti e vicende politico-istituzionali di cui sono venuto a conoscenza nella mia qualità di presidente della Camera nello stesso giro di anni e in relazione ad accadimenti storici largamente coincidenti”. Di conseguenza, “la ripetizione di quelle dichiarazioni o l’eventuale evocazione di altri ricordi personali, peraltro lontani nel tempo, attinenti a vicende connesse, non darebbero lumi su nulla di significativo”.

La testimonianza dell’ex presidente della Repubblica davanti alla corte d’assise di Palermo era andata in onda il 28 ottobre del 2014, nella Sala Oscura, all’interno del Quirinale, dopo quasi due anni di velenose polemiche. Prima il Quirinale aveva chiesto e ottenuto da parte della Corte costituzionale la distruzione delle quattro telefonate intercettate tra Nicola Mancino (in seguito rinviato a giudizio per falsa testimonianza) e Napolitano, poi – quando la procura aveva chiesto d’interrogare comunque il capo dello Stato – dal Colle avevano fatto sapere che il presidente restava “in attesa di conoscere il testo integrale dell’ordinanza di ammissione della testimonianza, per valutarla nel massimo rispetto istituzionale”. Settimane di tira e molla culminate con una lettera inviata ai giudici palermitani, con la quale Napolitano spiegava di essere “lieto di dare un utile contributo all’accertamento della verità processuale”.

Di segno totalmente opposto è invece il senso della missiva inviata oggi alla corte d’assise di Caltanissetta. “Auspico che la Corte condivida la convinzione maturata in una vita al servizio delle istituzioni e cioè che l’accertamento dei reati richieda la massima concentrazione delle energie processuali e non la loro dispersione”, scrive il presidente emerito: un altro passaggio per sottolineare che considera inutile la sua stessa deposizione.

La testimonianza di Napolitano davanti ai giudici nisseni riguarda gli anni trascorsi dall’attuale senatore a vita al vertice della Camera dei deputati ed è regolata da un capitolato di prova, che l’ex capo dello Stato prova a smontare punto per punto nella sua lettera. Il presidente emerito spiega di non aver avuto “alcun ruolo nella formazione di quello o di altro governo della Repubblica”, riferendosi all’avvicendamento tra Vincenzo Scotti e Nicola Mancino nel ruolo di ministro dell’Interno nel giugno del 1992: un passaggio che per gli inquirenti palermitani è considerato propedeutico all’interlocuzione tra pezzi delle Istituzioni e Cosa nostra. Napolitano spiega anche di non essere “venuto a conoscenza di alcun fatto rilevante ai fini penali né per questo, né per altro processo: ove ciò fosse avvenuto naturalmente lo avrei, e da tempo, dichiarato alle autorità competenti”.

Ed è quindi “sorprendente, infine e per me inesplicabile”, conclude il senatore a vita, “è la richiesta che io riferisca su quanto a mia conoscenza sui fatti di cui ai capi di imputazione e sulle persone a vario titolo coinvolte. Sorprendente per la sconfinata comprensività della richiesta, non meno che per la sua assurda vaghezza”, sono quindi le parole utilizzate dall’ex inquilino del Colle per concludere la sua missiva. Sulla quale avvocati e pm dovranno esprimersi durante la prossima udienza del processo Borsellino Quater (prevista per domani): poi toccherà alla Corte decidere se accettare o meno le richieste dell’ex capo dello Stato.