La Santanchè? Per la sua età, c’ha ancora un bel culo, devo dire piacevole, anche se è siliconata e rifatta. E mi chiedo, guardando lei: è meglio una bella donna con un bel culo che dice cazzate o una donna brutta che dice cose intelligenti? Dipende cosa c’è da fare”. Sono le parole del fotografo Oliviero Toscani, ospite de La Zanzara, su Radio 24, a proposito della deputata di Forza Italia, sulla quale aggiunge: “Anziché dire cazzate, sarebbe meglio che la Santanché stesse zitta e mi lasciasse toccare il culo“. Toscani critica duramente il tam-tam recente sulla necessità di armarsi per autodifesa, dopo la vicenda di Vaprio D’Adda: “Ma quale pistola, questi qui devono spararsi solo delle seghe. Ma che cazzo sparano? Non sanno neanche scrivere. Il signor Sicignano che ha sparato contro un ladro? L’ho visto in tv, non è proprio tranquillo. Poverino, io gli toglierei subito il porto d’armi. Quelli che invocano le armi per difendersi sono delle seghe, è gente pericolosa e non sana. Andare in giro armati? Ma dai, ragazzi, siamo impazziti? In che anno siamo?”. Scudisciata anche all’europarlamentare della Lega Nord, Gianluca Buonanno: “Poverino, mi fa pena. E’ come un bambino un po’ demente. Questi qua che esibiscono le pistole in mano mi sa che c’hanno tutti dei cazzettini piccoli, riuscendo a malapena a fare la pipì, oppure sono finocchi“. Il fotografo, infine, si esprime sull’allarme dell’Oms circa le carni rosse cancerogene: “Ma vadano a cagare questi, non rompano le balle. Mangerò sempre carne, figuratevi, tanto prima o poi morirò. Conosco tanta gente vegetariana che è morta giovane. Di salsicce ne ho mangiate tante, c’ho 73 anni, sto benissimo e tira ancora l’uccello proprio grazie alle salsicce