I finanzieri l’hanno chiamata la Dama nera. Antonella Accroglianò, per l’inchiesta, è il vertice della “cellula criminale” all’interno dell’azienda statale dell’Anas. Lei gestiva quello che il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone ha chiamato “ufficio mazzette” nel quale “va in ufficio tutti i giorni ma il suo principale lavoro è gestire questo flusso di corruzione, trattar male chi ritarda i pagamenti”: una “deprimente quotidianità della corruzione“, ha precisato. E questo “sistema strutturato” e “non episodico”, come precisano gli investigatori, era guidato dalla Accroglianò, capo del coordinamento tecnico-amministrativo. Ma era alimentato da altri funzionari dell’azienda statale, come Oreste De Grossi (responsabile del servizio incarichi tecnici) e Sergio Serafino Lagrotteria (dirigente nell’area progettazione) e ancora funzionari di livello inferiore come Giovanni Parlato e Antonino Ferrante. Una specie di spoils system della corruzione, secondo la descrizione della Procura di Roma e della Guardia di Finanza: “Speriamo di tenerci forte come abbiamo fatto fino ad adesso – dice Accroglianò in un’intercettazione – e di fare tutti un saltino in avanti per poterci aiutare. Perché quello è poi lo scopo, capito? Che chi… Io sono stata abituata in questo modo. Chi cresce, chi fa un salto in avanti, si porta gli altri dietro. Questa è la scuola”. Chiamava le mazzette “ciliegie”, “libri”, “topolini”, “farmaci antinfiammatori”. Le ciliegie erano “smozzicate” quando la tangente ricevuta era inferiore a quanto pattuito. Oppure “medicinali”, che nascondeva nell’appartamento della madre. Qui, in una delle 90 perquisizioni effettuate in 10 Regioni, la Finanza ha trovato 70mila euro in contanti e gioielli.

In carcere sono finiti in 5, tutti i funzionari Anas. Altri 5 sono finiti ai domiciliari: tre imprenditori (Concetto Bosco Lo Giudice, Francesco Costanzo e Giuliano Vidoni), un avvocato che aveva fatto da “navetta” per le tangenti” (Eugenio Battaglia) e un politico iscritto al Pd (sospeso nel pomeriggio di oggi dal partito) che formalmente non ricopre incarichi pubblici da 7 anni. Luigi Meduri, infatti, è stato presidente della Regione Calabria per un anno (dal 1999 al 2000) dopo un ribaltone condotto da una parte di Forza Italia, poi è stato deputato dal 2001 al 2006 e infine sottosegretario alle Infrastrutture del governo Prodi. Nel Pd è stato tra gli ex popolari che hanno sostenuto nella corsa alle primarie i segretari di formazione comunista, prima Pierluigi Bersani e poi Gianni Cuperlo. Di recente aveva fatto notizia perché tutti i giorni si presentava in Transatlantico, a Montecitorio. Per le fiamme gialle è un “oscuro faccendiere“, l’interfaccia politica della Dama nera. Ma non al livello nazionale, semmai calabrese.

Il centro di tutto infatti erano gli appalti per i lavori sulle autostrade: gli inquirenti hanno parlato di tangenti per almeno 200mila euro per progetti da centinaia di milioni di euro. Gli imprenditori finiti ai domiciliari stavango gestendo attualmente appalti per 150 milioni. La storia più importante, per questa inchiesta, riguarda la strada statale dello Stelvio, nel tratto vicino a Sondrio. Qui, secondo le accuse, la Accroglianò prese denaro per velocizzare i pagamenti dell’Anas per i lavori per la realizzazione della Variante di Morbegno. Ma le tangenti più cospicue (150mila euro in sei “rate” pagate tra il dicembre 2014 e l’agosto 2015) arrivavano alla Dama nera da due imprenditori arrestati (Costanzo e Bosco) che pagavano per ottenere il nulla osta a una cessione di un ramo aziendale. L’operazione portava di fatto alla cessione ai due imprenditori, senza gara, di un appalto per la realizzazione della strada (valore di 145 milioni).

Ma tra le ipotesi di reato, oltra all’associazione a delinquere e la corruzione, c’è anche il voto di scambio. In un caso, infatti, secondo i finanzieri, sono state promesse assunzioni in Anas in cambio di un pacchetto di voti alle Regionali in Calabria di fine 2014, che vedeva impegnato – come candidato dell’Udc, peraltro poi non eletto – il fratello della Accroglianò, Galdino. “La contropartita per la mancata elezione – ha spiegato il colonnello Cosimo Di Gesù del nucleo polizia tributaria di Roma – sarebbe stata nell’intenzione della Accroglianò un importante incarico in una società partecipata dalla Regione Calabria. A fronte di queste richieste Meduri chiedeva da un lato l’assunzione di due geometri in Anas, con lo sfruttamento di una azienda pubblica come meccanismo clientelare per favorire assunzioni. Dall’altro lato si poneva come intermediario con imprenditori arrestati, Costanzo e Bosco, rispetto al ritardo nel pagamento delle tangenti”.

Poi c’è l’ombra della ‘ndrangheta. La Accroglianò ha infatti “consigliato” ai titolari di un’azienda vincitrice di un appalto in Calabria, di subappaltare alcune opere a ditte di imprenditori contigui alla criminalità organizzata calabrese. Una vicenda che riguarda una serie di opere pubbliche nel comune di Palizzi, in provincia di Reggio Calabria. La dirigente Anas avrebbe da un lato chiesto l’assunzione di operai e geometri alla ditta vincitrice dell’appalto e, dall’altro, dicono gli investigatori, avrebbe esercitato “pressioni inequivoche affinché la fornitura del calcestruzzo e il movimento terra, attività notoriamente di interesse quasi esclusivo delle cosche della ‘ndrangheta in quei territori, venisse affidato ad una persona di sua fiducia, che avrebbe così garantito la sicurezza del cantiere da interventi o pressioni di gruppi criminali egemoni”.

Costanzo e Bosco sono due noti imprenditori catanesi ai vertici della Tecnis, grande azienda del Sud Italia, che si è aggiudicata appalti pubblici per quasi 800 milioni l’anno. Dalla metropolitana catanese ai lavori dell’anello ferroviario e del collettore fognario di Palermo, passando per il porto di Catania, quello di Ragusa, l’interporto di Catania oltre alla Salerno-Reggio Calabria e ad altre centinaia di commesse che hanno fatto della Tecnis la prima impresa del Sud Italia. Tra i lavori affidati alla Tecnis figura anche un lotto del viadotto Scorciavacche, sulla Palermo-Agrigento, franato una settimana dopo l’inaugurazione nel dicembre scorso. Costanzo e Bosco sono noti per le loro battaglie contro il racket delle estorsioni e per avere siglato protocolli di legalità in ogni appalto. Costanzo era tra i favoriti nel rinnovo dei vertici di Confindustria Catania.

Il presidente di Anas Gianni Vittorio Armani ha espresso “piena fiducia nel lavoro della Procura di Roma, con l’auspicio che possa arrivare velocemente a fare chiarezza sui fatti ed aiutare il vertice dell’azienda a voltare pagina”. Anas sta “attivamente collaborando alle indagini della Guardia di Finanza, dando il massimo supporto anche in qualità di parte offesa dai fatti oggetto di indagine, accaduti negli anni passati”. L’Anas, annuncia la società, si costituirà in giudizio quale parte offesa.

Il premier Matteo Renzi ha detto di avere “pieno rispetto per gli indagati”, ma “da parte nostra c’è la volontà di fare pulito: chi, in un’azienda pubblica, viene trovato a rubare non solo deve pagare ma deve essere cacciato senza ogni forma di perdono”. Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, a margine di un incontro all’Enel ha spiegato: “La nostra linea è molto semplice, vogliamo assoluta trasparenza e collaborazione con le forze dell’ordine e con la magistratura”.