“Se viene un giornalista e mi intervista, e poi si spezzetta e ne escono 10 secondi, questo per me è camorrismo giornalistico”. A Salerno ospite della Festa nazionale di Scelta Civica, Vincenzo De Luca continua la sua invettiva contro l’informazione. Qui il riferimento è a Report, il programma di inchiesta condotto da Milena Gabanelli. De Luca racconta: “Noi su un’opera di architettura che è il Crescent abbiamo avuto il singolare privilegio di avere sei servizi nella stessa rete televisiva pubblica. Rai3 ha dedicato sei servizi non a Punta Perotti, ma ad un’opera di grande architettura elaborata da Riccardo Bofill che è uno dei più grandi architetti al mondo”. Poi il governatore della Campania entra nel dettaglio delle modalità operative dei giornalisti d’inchiesta e ricorda i dietro le quinte e i retroscena di un’intervista in particolare, vestendo i panni della vittima della macchina del fango e di un’informazione pilotata, che lo dipinge “come un delinquente”.