Una battaglia legale durissima quella tra l’Italia e l’India sul caso dei Marò che domani approda al Tribunale internazionale sul diritto del mare di Amburgo. L’India è si dimostrata “aggressiva“, ma noi “siamo estremamente determinati a far valere le nostre ragioni”, ha detto in un’intervista all’Ansal’ambasciatore d’Italia all’Aja, Francesco Azzarello, che guida la delegazione italiana davanti alla corte, alla vigilia della prima udienza sulle richieste di Roma di “misure cautelari urgenti” a tutela dei due Fucilieri di Marina, da oltre tre anni trattenuti dalla giustizia indiana con l’accusa di aver ucciso due pescatori indiani mentre erano in missione anti-pirateria.

“L’Italia e l’India sono paesi tradizionalmente amici“, ha sottolineato l’ambasciatore. “Ma l’incidente del 15 febbraio 2012 ha purtroppo provocato una controversia giuridica complessa, difficile ed estremamente delicata”. Già “nelle osservazioni (scritte, ndr) sottoposte al tribunale giovedì scorso, la delegazione indiana ha manifestato particolare aggressività“, ha spiegato Azzarello, auspicando tuttavia che “il confronto giuridico si mantenga nei binari della correttezza e della verità”.

Prima di arrivare al ricorso alla giustizia internazionale, “l’Italia ha tentato in tutti i modi, attivando canali informali e formali, in più direzioni, di trovare una soluzione concordata con l’India. La mancata intesa ha costretto il governo ad attivare a fine giugno scorso una procedura arbitrale internazionale”, ha aggiunto l’ambasciatore ripercorrendo le ultime tappe della vicenda. “Poche settimane dopo ci siamo rivolti all’Itlos, chiedendo con procedura di urgenza, in attesa che l’arbitrato si concluda, che i diritti dell’Italia non vengano pregiudicati da esercizi giurisdizionali indiani, nonché il rientro di Salvatore Girone e la permanenza di Massimiliano Latorre in Italia”.

La posizione italiana alla base delle richieste all’Itlos, che domani e martedì Azzarello illustrerà in aula, è che “il governo ha sempre, sin dal momento dell’incidente, rivendicato l’esclusiva competenza giuridica italiana, trattandosi di nave battente la nostra bandiera per fatti accaduti in acque internazionali”. Per quanto riguarda i due Marò, inoltre, il governo ha sempre sostenuto che, poiché essi svolgevano funzioni ufficiali, devono godere della relativa immunità”.

Dal canto suo l’India si oppone, rivendicando che “la territorialità del reato commesso” (a 20,5 miglia della costa in “acque contigue”) e contestando lo stesso ricorso dell’Italia alla procedura arbitrale internazionale.

La decisione del Tribunale non arriverà prima di due-tre settimane, ma intanto ci si aspetta una dura battaglia in punta di diritto. “L’Italia ha un collegio di difesa di grandissima levatura ed esperienza”, ha sottolineato ancora Azzarello, che in aula cederà la parola al capo del team legale, l’avvocato britannico di origini italiane Daniel Bethlehem, ex capo del servizio giuridico del Foreign Office. “Gli avvocati fra i quali diversi italiani – ha concluso l’ambasciatore che in queste ore ad Amburgo ha lavorato con i legali alle ultime limature della strategia – hanno fatto un lavoro preparatorio encomiabile”.