“Mi dispiace per lui, mi scuso, ero in stato confusionale per l’alcol e volevo soltanto spaventarlo”. Sono queste le parole – riportate dall’avvocato Alessio Mantuano – pronunciate davanti al gip da Josè Emilio Rosa Martinez, 19 anni di El Salvador (a destra nella foto), che giovedì scorso a Milano ha quasi amputato un braccio al capotreno di 32 anni Carlo Di Napoli con un machete.

Si sono svolti questa mattina gli interrogatori di garanzia di Martinez, Jackson Jahir Lopez Trivino (ecuadoregno di 20 anni, al centro) e Alexis Ernesto Garcia Rojas (i primi due fermati giovedì sera subito dopo l’aggressione a Villapizzone, il terzo bloccato sabato). I tre, che secondo la Squadra mobile appartengono alla spietata gang di latinos Mara Salvatrucha (guarda), rimarranno in carcere, come deciso dal gip Gennaro Mastrangelo. Sono accusati del tentato omicidio di Di Napoli e del ferimento di un collega, andato in scena sul treno regionale che collega Expo a Rogoredo, per un banale controllo dei biglietti.

Martinez, che ha un figlio di 6 mesi, aveva già confessato davanti agli agenti della Squadra mobile di Milano di aver colpito con il machete al braccio il capotreno e aveva fornito agli investigatori, coordinati dal procuratore aggiunto Alberto Nobili e dal pm Lucia Minutella, anche elementi utili per arrivare agli arresti di altri due giovani della gang MS-13.

Oggi Martinez ha confermato la versione già resa, “si è dimostrato collaborativo – ha chiarito l’avvocato Mantuano – e dispiaciuto per le conseguenze del suo gesto, di cui si è reso conto solo dopo perché quella sera era in stato confusionale per l’alcol ingerito e poi scosso per l’arresto”. Anche la madre del ragazzo, ha spiegato il legale, “è dispiaciuta per quello che ha subito il capotreno e si è sentita un pò sollevata quando ha saputo che il braccio non era stato amputato”.
Il ragazzo nell’interrogatorio avrebbe raccontato che quella sera alla fermata “è nato un parapiglia, una colluttazione tra il suo gruppo, e in particolare tra un suo amico, e il capotreno che aveva chiesto di esibire i biglietti”. A quel punto Martinez si sarebbe messo a “smanacciare con il machete in mano per spaventare il controllore e permettere all’amico di scappare”. Per il suo legale, però, Martinez non aveva “la volontà di uccidere” e per questo la difesa lavorerà sugli atti “affinché l’ipotesi contestata di tentato omicidio possa essere commutata in lesioni gravi o gravissime”.

Il gip di Milano Gennaro Mastrangelo ha comunque disposto per tutti e tre la misura cautelare in carcere. E ha convalidato gli arresti di Josè Emilio Rosa Martinez e di Jackson Jahir Lopez Trivino, mentre non ha convalidato il fermo di Alexis Ernesto Garcia Rojas (a sinistra). Anche lui però deve restare in cella a San Vittore. Davanti al giudice, Alexis Ernesto Garcia Rojas difeso dall’avvocato Robert Ranieli, ha detto: “Io non c’entro niente con l’aggressione al capotreno, avevo l’abbonamento, c’è stato un litigio tra noi e lui ma io sono sceso e ho visto soltanto dopo che Martinez l’aveva colpito con il machete”. E per questo la difesa sta valutando il ricorso al Riesame.

Sull’aggressione torna anche il governatore della Lombardia Roberto Maroni. Intervistato da Lucia Annunziata nella trasmissione In mezz’ora sottolinea: “I poliziotti hanno la possibilità di usare le armi, e se uno mi salta addosso ho il diritto di difendermi”. “Ho chiesto al Prefetto e al Questore di mettere uomini in divisa, poliziotti e anche militari, in certi orari e su certe tratte – ha continuato il governatore lombardo – La decisione non compete a me, ma ho il dovere di fare di tutto per difendere i lavoratori e provare a prevenire questi atti bestiali”.