“Noi qui siamo stati trattati bene e per noi questo di pulire la città è un modo per dare indietro qualcosa”. Mamadou è arrivato dalla Costa d’Avorio a bordo di un barcone qualche mese fa. Dalla Sicilia poi è stato mandato a Cesena e qui, da circa un mese, è tra i 32 profughi (quasi tutti provenienti dal Centro Africa) che si sono messi a dare una mano nelle pulizie dei parchi cittadini. Perché qui il progetto del Comune di Cesena (a guida Pd) è partito ben prima che a inizio maggio una dichiarazione del ministro dell’interno Angelino Alfano sollevasse un vespaio di polemiche: “Dobbiamo chiedere ai Comuni di applicare una nostra circolare che permette di far lavorare gratis i migranti”, spiegò l’ex delfino di Silvio Berlusconi. Ma dopo quelle dichiarazioni sia la sinistra con Sel, sia la Lega nord avevano protestato. Matteo Salvini aveva addirittura dato dello “schiavista” al ministro. “Ma che schiavo!”, spiega ora Mamadou che con una ramazza in mano pulisce i vialetti del giardino di Serravalle, in pieno centro storico. “Non sono uno schiavo. Ci è stato chiesto se volevamo dare una mano e noi abbiamo accettato”.

I ragazzi, tutti tra i 20 e i 30 anni sono seguiti dal Centro stranieri del Comune di Cesena guidato da Pietro Maraldi: “Attenzione, stiamo parlando di 3-4 ore alla settimana – dice Maraldi – Avevamo visto che i parchi erano sporchi nonostante ci siano persone pagate per pulirli e quindi volevamo dare una mano. Ma soprattutto volevamo dare la possibilità a questi ragazzi di dimostrare che sono parte della comunità. Hanno capito che è un modo per essere accettati dalla comunità”.

I ragazzi impegnati nelle pulizie dei giardini sono tutti richiedenti asilo politico e dunque sono in attesa di una risposta alla loro domanda. Il loro sogno è un futuro in Italia o in un altro Paese d’Europa. La maggior parte di loro sta studiando l’italiano, in alcuni casi riesce a fare dei tirocini lavorativi e quando può si cerca anche un lavoro vero anche se non sempre è possibile visto che la legge prevede che per sei mesi dopo la domanda non possano lavorare. “Qualcuno tuttavia è stato assunto per la stagione estiva in Riviera”, spiega soddisfatto Maraldi. Per questi ragazzi la pulizia dei giardini di Cesena è così solo un modo per passare qualche ora delle loro giornate in maniera diversa: “Lo facciamo come un servizio civile cittadino, da volontari”, racconta Malafi, arrivato dal Gambia, dopo avere attraversato il deserto e poi il mar Mediterraneo.

A dire il vero i giovani migranti non sono i primi a indossare le casacche gialle dell’iniziativa Attiviamoci perCesena. Già da tempo altri 32 cittadini ‘indigeni’ di Cesena, facevano volontariato pulendo le strade, anche semplicemente il proprio marciapiede: “Non è schiavismo il nostro – spiega Simona Benedetti, assessore comunale per i Servizi alla persona – perché ai ragazzi è stato chiesto se volevano dare una mano esattamente come già lo fanno altri cesenati. Questo è solo un modo perché questi ragazzi possano incontrare gli altri cesenati. Questo non è lavoro, è volontariato. Il lavoro è un’altra cosa ed è retribuito”.