Apple compra Tesla. Prezzo ancora segreto, ma alla Mela morsicata potrebbero bastare in teoria poco più dei profitti dell’ultimo trimestre 2014 per mettere le mani sull’altra vera stella della Silicon Valley. Con il nuovo iPhone 6 e 6 plus, Apple ha fatto 18 miliardi di dollari di utili, vendendo il 30% in più per 74,6 miliardi di fatturato. Tesla ha guadagnato in borsa il 48% nel 2014 e ora la sua capitalizzazione viaggia intorno ai 25 miliardi di dollari.

Le ragioni: inutile fare da soli un’auto elettrica, impossibile fare da soli un’auto a guida autonoma. Insieme faranno meglio entrambe, sorpassando (forse) in un lampo Google e l’industria delle quattro ruote.

Apple finisce di strappare dipendenti a Tesla a colpi di buste paga e bonus più pesanti. In borsa entrambi i titoli hanno sempre fatto festeggiare gli azionisti, questa è la festa del secolo.

Elon Musk, ceo di Tesla, completa così il suo capolavoro. Ha inventato un’auto elettrica di cui poi ha liberato i brevetti, continua a perderci soldi (107,6 milioni nel quarto trimestre 2014) anche se quest’anno prevede di consegnare più Model S cuore di gamma. Ha imposto un marchio di moda e politicamente corretto che fa sognare i trader di tutto il mondo costringendo i costruttori tradizionali a guardarlo da vicino, se non a imitarlo.

Musk vende ad Apple dopo avere detto che Tesla guadagnerà soltanto dal 2020 (chapeau!). concentrandosi così sulle sue altre attività più spettacolari e in prospettiva più remunerative come l’energia solare e la conquista dello spazio.

Un maestro, o un idolo per uno come Sergio Marchionne: altro manager fissato con la finanza e meno con l’industria, che invece di cercare un terzo alleato per Fiat e Chrysler, potrebbe seguire Musk vendendo Fca all’equivalente colosso dell’auto di Apple. Volkswagen o Gm, “gli unici che sarebbero realmente in grado di digerirla”, suggerisce il Financial Times.

Apple compra Tesla. Ma non cercate conferma a questo post sul web. Questo è solo uno scenario. E non sono il solo a immaginarlo. Anche se per un blogger del Financial Times, nessuno ha bisogno di comprare Tesla.

twitter @carblogger_it