Da 60 centimetri a un metro di neve, allagamenti sulle coste e venti fino a 120 chilometri orari. È questo lo scenario dipinto dal servizio meteo statunitense in attesa della “Monster Storm“, la forte tempesta di neve che sta per abbattersi sul nord est del Paese. “Quella che sta per arrivare è molto probabilmente la più grande tempesta di neve della storia di New York, una cosa mai vista”, ha detto il sindaco della Grande Mela, Bill de Blasio, che ha però invitato tutti i cittadini alla calma e a non uscire dalle proprie abitazioni. New York non sarà l’unica città colpita dal maltempo, visto che, prevedono i meteorologi americani, sarà interessato un tratto di circa 400 chilometri, dal Maine al New Jersey, per un totale di 58 milioni di persone coinvolte. 

“Non sottovalutate questa tempesta, preparatevi al peggio”, ha messo in guardia de Blasio che, però, assicura che la città e le forze dell’ordine sono pronte ad affrontare l’emergenza, con 1.800 spazzaneve pronti a entrare in azione. Intanto, circa 4mila voli sono stati cancellati in vari aeroporti nel nord-est del Paese, secondo quanto riporta il sito FlightAware, compreso il John Fitzgerald Kennedy di New York. Nella Grande Mela, una delle città che saranno maggiormente colpite dal maltempo, è stata disposta la chiusura delle scuole, i cittadini sono stati invitati a rientrare a casa il prima possibile e il governatore Andrew Cuomo ha dichiarato lo stato d’emergenza. La metropolitana continuerà a funzionare regolarmente fino alle 19 o le 20, mentre il Metro North Railroad e il Long Island Railroad chiuderanno alle 23 . Il governatore ha detto che si sta considerando il divieto della circolazione sulle autostrade dello stato a partire dalle 23, ma maggiori informazioni verranno fornite nelle prossime ore.

Anche il Palazzo di Vetro, sede dell’Onu ha deciso di chiudere alle 14.30 (ora di New York), mentre de Blasio ha chiesto ai cittadini di denunciare i tassisti che intendono approfittarsi dell’emergenza per alzare le tariffe del servizio, segnalando le anomalie al numero dell’amministrazione cittadina e denunciare i fatti. Sono previste sanzioni severissime, fino alla perdita della licenza.

Il governatore del Connecticut, Dannel Malloy, ha imposto il divieto di circolazione sulle autostrade dello stato a partire dalle 21 di lunedì e ha chiesto alla popolazione di prepararsi con un kit d’emergenza, incluse scorte alimentari per tre giorni, caricabatterie per cellulari per le emergenze, torce elettriche, sacchi di plastica e carburante per generatori di elettricità. Chris Christie, governatore del New Jersey, ha invece dichiarato lo stato di emergenza: “State a casa a meno che non abbiate un’emergenza”, ha detto ai cittadini.