“Craxi era un democratico, sentiva gli interlocutori, non ha nulla a che vedere con Renzi, che è un autoritario. Il riformismo del premier è solo chiacchiere, la vera stagione del riformismo era quella di mio padre”. Così Stefania Craxi alla presentazione a Milano del libro ‘Io parlo e continuerò a parlare’ che raccoglie le memorie scritte dal leader socialista durante il suo soggiorno tunisino. Una serata a cui hanno preso parte anche Maurizio Belpietro, Alessandro Sallusti e Gad Lerner, coordinati da Alessio Vinci e che hanno dato vita ad un caleidoscopio di “nostalgie” su una delle figure politiche più controverse della storia recente del nostro Paese  di Alessandro Madron