Non hanno mandato i loro figli a scuola o hanno permesso loro di assentarsi dalle lezioni per un periodo superiore al 25% delle giornate consentite, pari a 50 giorni su 200 di frequenza. Questo il motivo che ha portato i carabinieri del gruppo di Locri a denunciare 165 persone, genitori di 88 ragazzi di età compresa tra i 6 ed i 15 anni. Le denunce sono scattate dopo un monitoraggio svolto in tutte le scuole dei 42 comuni del territorio. Le più diverse le motivazioni alla base della mancata frequenza scolastica. Dalle indagini è emerso che i ragazzi con bassa frequenza vivono spesso in condizioni socio-economiche difficili, tanto che i minori rappresentano vere risorse per le famiglie che li avviano a saltuari lavori piuttosto che alla gestione quotidiana di mansioni di controllo su fratelli più piccoli.  

Un’attività di controllo, svolta dalle compagnie di Roccella Jonica, Locri e Bianco, che ha riguardato sia l’anno scolastico 2012/2013, con 87 genitori denunciati, sia quello successivo 2013/2014, 78 le posizione rassegnate al vaglio dell’autorità giudiziaria. Tra i comuni maggiormente interessati dal fenomeno nel primo lasso temporale preso in esame spiccano Caulonia (e la sua popolosa frazione di Caulonia Marina), Brancaleone e San Luca, mentre la seconda tornata di controlli ha visto il maggior numero di violazioni a Platì, Ardore, Caulonia e la sua frazione Marina, Marina di Gioiosa Jonica e Monasterace.