La Serie 2 Active Tourer è la BMW dei primati: la prima monovolume dell’era moderna, la prima auto del marchio ad adottare un tre cilindri e soprattutto la prima BMW a trazione anteriore. La Active Tourer, infatti, è costruita su una nuova piattaforma flessibile (la Ukl) a passo e larghezza variabile, che ospiterà tutti i motori medio-piccoli del Gruppo: oltre alla nuova Mini a tre porte, già presentata, anche tutte le sue derivate future e le più piccole delle BMW, comprese le sostitute delle attuali Serie 1 e X1. Una rinuncia storica in nome delle economie di scala. Così come un’altra rinuncia – nel numero dei cilindri – si fa sull’altare dei consumi: il nuovo tre cilindri 1.5 TwinPower Turbo (che debutta nelle prossime settimane anche sulla nuova Mini) dovrebbe garantire consumi medi omologati di 4,9 litri di benzina ogni 100 km. La più parca delle versioni, comunque, è equipaggiata con un 2.000 diesel e dovrebbe consumare solo 4,1 litri ogni 100 km. Il sottoscocca completamente liscio e gli spoiler contribuiscono a migliorare l’aerodinamica del veicolo. E se si vuole consumare ancora meno, si può selezionare la modalità di guida Eco Pro (invece di Sport o Comfort) che modifica l’impostazione del motore e dell’assetto. 
Con il nuovo modello la BMW punta a offrire un’auto dalla grande versatilità, quella che alla Serie 1 manca: l’obiettivo è di convincere le giovani famiglie e gli sportivi. Per questo, la panchetta posteriore è scorrevole e lo schienale di ogni sedile può essere abbattuto singolarmente, in modo da ospitare facilmente bagagli d’ogni foggia. Abbattendo quello del passeggero anteriore, si possono caricare oggetti lunghi fino a 2,4 metri. Al bagagliaio, sotto il cui vano di carico si trova una vasca porta oggetti, si accede attraverso l’ampio portellone, apribile elettricamente anche solo muovendo un piede sotto il sensore (è l’optional Smart Opener). Fra le dotazioni disponibili per la Active Tourer, ci sono anche il servosterzo variabile sportivo Servotronic; l’Assistente alla guida in colonna che, a velocità inferiori ai 40 orari, accelera, frena e mantiene la corsia; l’aiuto al parcheggio; il sensore che avverte (e frena automaticamente) quando si rischia di investire un pedone. Solo per fare qualche esempio, perché l’elenco degli equipaggiamenti tecnologici è lunghissimo: a parte la trazione anteriore e l’aria da auto di famiglia, la Active Tourer rimane pur sempre una BMW.

BMW Serie 2 Active Tourer – la scheda
Che cos’è: è una monovolume compatta della BMW
Che cosa cambia: il modello è inedito per il marchio. Rispetto alla Serie 1, è più alta e più spaziosa all’interno. Per la prima volta, una BMW ha la trazione anteriore. La Serie 2 Avtive Tourer, infatti, è costruita sulla nuova piattaforma modulare Ukl utilizzata anche per la nuova Mini; nei prossimi anni questa base meccanica sarà utilizzata per tutti i modelli Mini e per i più piccoli della BMW, compresa la prossima generazione della Serie 1
Principali concorrenti: la concorrente più diretta è la Mercedes Classe B, ma il modello potrebbe attirare anche i clienti tipici delle berline compatte a cinque porte e della Suv compatte
Varianti di carrozzeria: l’Active Tourer è solo a cinque porte e cinque posti. Con la denominazione “Serie 2” sono indicate anche una coupé a tre porte e una cabro
Dimensioni: lunghezza 4,34 metri, larghezza 1,80 metri, altezza 1,56 metri, passo 2,67 metri. Bagagliaio da 468 a 1.510 litri
Motori a benzina: tre cilindri di 1.5 litri da 136 CV (218i Active Tourer) oppure quattro cilindri di 2.0 litri da 231 CV (225i Active Tourer), entrambi Euro 6
Motore diesel: quattro cilindri di 2.0 litri da 150 CV (218d Active Tourer), Euro 6
Cambio: manuale a sei rapporti (218i e 218 d) oppure automatico a otto rapporti (225i)
Trazione: anteriore
La versione che consuma meno: è la diesel 218d, omologata per consumi di 4,1 litri/100 km nel ciclo combinato ed emissioni di 109 g/km di CO2
Produzione: in Germania, a Lipsia
Prezzi: non sono ancora stati dichiarati. Per farsi un’idea, la Serie 1 a cinque porte parte da 24 mila euro circa, la concorrente Mercedes Classe B da 25 mila circa
In vendita: dall’autunno 2014