Se le parole sentite in questa campagna elettorale avessero una corrispondenza con la realtà, dovremmo buttare a mare la promessa tragicomica della Sardegna zona franca integrale, affogare senza pietà il nuovo spaventoso Piano paesaggistico che, privo di ogni legittimità e di decenza, è stato approvato oggi, a due giorni dalle elezioni e distruggerebbe quello che resta dell’isola. Scaraventare in acqua le promesse baggiane di felicità e indipendenza insiemealla balla per i creduli pinocchietti sardi di un’isola senza tasse e dove la benzina costa poco. Consegnare alle onde anche l’idea di una lingua sarda ufficiale, sintetica, inventata in un grigio ufficio regionale, foraggiata con 19 milioni di euro e ricordarci che una lingua non la impone certo una povera Giunta di passaggio verniciata di falso sovranismo né tanto meno qualche malinconico burocrate.

Se le parole di questi giorni avessero un collegamento con i fatti e con il nostro vero benessere avremmo dovuto scagliare in mare la legge elettorale sarda che un consiglio regionale di molti indagati ha varato con lo scopo di auto-conservarsi in eterno. Una simulazione di democrazia senza rappresentanza reale dell’elettorato. Una legge che alla prova dei fatti esclude le “grandi minoranze” e si ritorce oggi anche contro chi l’ha votata.

In Sardegna ci chiediamo in tanti che democrazia possa essere quella che prevede molti voti per il candidato presidente ma nessuna possibilità di ingresso in consiglio per il terzo classificato e, magari, nessuna o quasi nessuna rappresentanza per le sue liste. Nello sport la medaglia di bronzo ha un valore enorme, ma non da queste parti. Qui, chi arriva terzo è fuori da tutto. Mentre i girini della politica, trasportati dalle correnti maggiori oggi sono gongolanti.

Ma il “legislatore furbo” spesso muore di troppa furbizia, si sa.

Dovrebbero, domenica, finire a mare anche le surreali considerazioni filosofiche dei partiti sui candidati-indagati.

In acqua si sono buttati da soli gli aspiranti candidati di 5stelle in Sardegna. Un suicidio di massa, come i lemmings dei mari del Nord. Un piccolo esercito di rimasugli elettorali, una raccolta indifferenziata della politica. C’erano dentro il movimento anche molte ottime persone, s’intende. Però sono state travolte dai lemmings suicidi. La prossima volta faranno di meglio, speriamo.

Dunque non si va a votare per il disgusto? Non si vota per protesta? Sembrano questi i sentimenti di metà dell’elettorato. Un milione e quattrocentomila votanti (un’isola di vecchi, visto che siamo un milione e seicentomila abitanti) con un’astensione che si prevede oltre il cinquanta per cento.

Anche questo è la Sardegna. Non certo la terra della giudicessa medievale Eleonora d’Arborea o quella del giudice rivoluzionario Giovanni Maria Angioy favoleggiata da indipendentisti sognanti, capaci di molte parole, talvolta perfino belle, ma incapaci di spiegarci come e quando l’isola potrebbe raggiungere una reale autodeterminazione.

Tuttavia l’unica possibilità di cambiare qualcosa è ancora solo nel voto.

I cosiddetti partiti-feudo (il feudo non scompare mai dalla storia sarda) vorrebbero pochi, fidi votanti. E il migliore dei mondi consisterebbe, per loro, nel votarsi a vicenda. Coltivano il sogno di essere sessanta votanti e sessanta consiglieri il cui obiettivo è votare fedelmente se stessi e i figli dei figli per l’eternità. Il “non voto” è ambito, auspicato e ricercato. “Non votate” è lo slogan di chi è interessato alla conservazione e a un governo di pochi. Molti eletti e pochi elettori. “Non votate, oppure votate me”.

Ma dalla memoria comune non sono scomparsi i sedici morti dell’alluvione del 18 novembre, una tragedia così piena di significati che rappresenta la Sardegna e la stessa Nazione.

“La prossima volta” ha detto un povero sfollato che spalava fango: “Non credo più a nessuno” e in quel “la prossima volta” era contenuta un’intera filosofia.“Le prossime volte” sono diventate talmente numerose nel nostro Paese che nessuno crede più a nulla.

Però c’è il rischio paradossale – è già accaduto dopo l’alluvione di Capoterra nel 2008 – di sentire ancora un coro a favore dell’alluvione di metri cubi che il nuovo Piano paesaggistico vorrebbe rovesciare sull’isola e che porterebbe inevitabilmente nuove disgrazie, altri morti e una definitiva povertà economica e culturale. C’è il rischio di sentire di nuovo sindaci a favore dei venticinque campi da golf e dei milioni di metri cubi che gli sono collegati perché, dice l’attuale Presidente della Regione, non si possono lasciare senza un tetto i golfisti, come degli sfollati. Alla Sardegna servono club house.

Lo spieghino agli sfollati di Terralba, di Uras, di Olbia.

Oggi, a due giorni dalle elezioni, con un colpo di mano, il Presidente ha approvato il suo nuovo Piano paesaggistico bocciato da tutti, dal Ministero, dalle Associazioni, dai movimenti. Si gioca tutto, disperatamente. Sa che è illegittimo, ma se n’è impipato. Deve risposte ai suoi referenti. Qatar compreso. Però, esibendo la sua forza ha mostrato la sua debolezza e la sua vera sostanza politica.

Sapremo presto quale sentimento vincerà e quale idea di progresso prevedono i sardi per se stessi.