Con la nuova legge elettorale si aprono nuovi scenari e molti esponenti di centrodestra si sono ritrovati in un convegno a Roma sulla figura politica di Pinuccio Tatarella (a 15 anni della morte del parlamentare di An ndr). Durante l’evento vengono più volte ripetuti i dati degli ultimi sondaggi, secondo il quale il centro-destra con Pier Ferdinando Casini (ex Sc) e Lega sarebbe già oltre la soglia del trentasette per cento arrivando a raggiungere il premio di maggioranza previsto nell’Italicum: “Questi dati dimostrano che Forza Italia è il terzo partito del Paese, ma il centro-destra unito batte il Pd” afferma Angelino Alfano (leader Ncd). Tiene banco, dunque, il ritorno di Pier Ferdinando Casini nelle file del centrodestra: Matteo Salvini (segretario del Carroccio) ha affermato che ci vorrebbe un miracolo per riproporre FI, Lega E Casini insieme,: “Io credo ai miracoli” dice arrivando al Tempio di Adriano Roberto Maroni (governatore della Lombardia) che aggiunge: “Non voglio fare un remake, leggo che con Casini il centrodestra vince, senza Lega però Casini o non casini, non va da nessuna parte”. Per Formigoni: “Il rinnovamento è essenziale”, ma i cronisti fanno notare che la squadra si un po’ vecchia risponde “Faremo le primarie per la leadership. Casini? Ho ancora necessità di capire se va a ripararsi sotto le tende di Forza Italia o se ci sta anche lui a dare una spinta forte a tutto ciò che va cambiato”  di Manolo Lanaro