Un organo non elettivo, composto da 150 persone che non voterà più la fiducia o il bilancio. Sono questi alcuni punti per la riforma del Senato contenuti nella bozza che il segretario del Partito democratico Matteo Renzi presenterà giovedì pomeriggio durante la Direzione del partito. Dovrà essere “un organo non elettivo composto da 150 persone, di cui 108 sindaci di comuni capoluogo, 21 presidenti di Regione e 21 esponenti della società civile”, ha anticipato il sindaco di Firenze intervenendo al convegno di Confindustria sulle città metropolitane nel organizzato nel capoluogo toscano. 

“Il Senato  – ha aggiunto – non sarà elettivo e sarà senza indennità. Gli esponenti della società civile “saranno scelti temporaneamente dal presidente della Repubblica per un mandato”. Il Senato “non vota il bilancio, non dà la fiducia, ma concorre all’elezione del presidente della Repubblica e contribuisce all’elezione dei rappresentanti degli organi europei”. Il sindaco di Firenze ha esposto alcuni punti intervenendo al convegno di Confindustria sulle città metropolitane nel capoluogo toscano. Poi ha aggiunto: “Questo è l’anno in cui o i problemi si risolvono o basta parlare di città metropolitane”, parlando di “straordinaria occasione per le riforme”. “Non basta più – ha aggiunto – accarezzare i problemi, è finito il tempo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Italicum: B. vince di nuovo. Il complotto dei giudici è fallito

prev
Articolo Successivo

Compravendita senatori, da Fi a Casini: uniti contro Grasso. In nome di Berlusconi

next